Con il recente recupero dai minimi toccati lo scorso 29 maggio a 4.48 euro Anima holding torna a testare la resistenza dei 5.35, che per mesi ha sostenuto il trend rialzista oggi invece compromesso.

L'interesse degli investitori ha prodotto infatti un veloce recupero, complice sia la promozione di banca Imi con prezzo obiettivo a 6.80, sia il fatto che la raccolta netta di maggio sebbene fortemente negativa per l'uscita di un cliente istituzionale, non impatta sulla dinamica dei conti della società in maniera pesante.

A conferma di ciò sussiste il forte incremento dei volumi scambiati nei giorni scorsi e addirittura triplicati nella seduta del minimo di 4.48 euro, segno evidente di un elevato interesse degli operatori in corrispondenza di questa fascia di prezzo.

L'analisi grafica evidenzia a ridosso della linea di resistenza dinamica passante per i 5.33, la formazioni nelle ultime sedute di configurazioni di prezzo definite in gergo "candlestick",di un harami bullish e di un hammer,  che non confermano la fine della tendenza ribassista, ma sono il tentivo di consolidare i corsi lungo le resistenze più immediate.

Inoltre l'analisi del indicatore di trend macd sebbene segnali la perdita di forza nel calo dei prezzi non evidenzia in maniera netta l'inizio di una inversione della tendenza ribassista in atto.

Per chi volesse acquistare Anima Holding

Attendere la fase di consolidamento tuttora in atto con i prezzi che stazionano pericolosamente a ridosso della resistenza statica dei 5.33 con il rischio di nuovi forti ribassi a quota 4.70 euro, qualora gli indici azionari dovessero tornare a scendere.