Non si confonda, per ora, il lieve rintracciamento registrato sul future dell’indice italiano Mib 40 rispetto ai massimi raggiunti di 22.800 punti: siamo infatti ancora in trend positivo.

Conviene dare uno sguardo al grafico settimanale e osservare la linea di demarcazione del movimento (trend line rialzista) ancora inviolata (Figura 1).

Figura 1. Future FtseMib40 – grafico settimanale

Per ora, dunque, la direzionalità rialzista è ancora in essere, non nella sua fase iniziale, a meno che non si rompano al ribasso i 22.000 punti.

E’ dunque una situazione di stallo operativo. Diciamo in stallo perché se da un lato è imprudente comprare in un trend in corsa, dall’altro è vietato shortare senza l’appurata inversione di tendenza.

Anche perché alcune possibili resistenze di lungo periodo sono situate in area 23.700 (Figura 2) e non è impossibile (anche se non se ne conoscono le probabilità) che lì si arrivi.

Figura 2.  Future FtseMib40 – grafico mensile

La strategia operativa suggerita rimane quindi quella di attendere pazientemente un’eventuale inversione ribassista e sfruttarla.

Si trova in una fase di incertezza Damiani.

La sua configurazione grafica è positiva: dopo avere varcato al rialzo la sua linea decrescente di tendenza di lungo periodo l’andamento oscillatorio si può definire positivo.