Dopo una seduta in positivo per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi l'S&P 500, apprezzatosi giovedì dello 0,36%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza rialzista si è consolidata, soprattutto in scia alle parole di John Williams, president della Federal Reserve Bank (Fed) di New York. "È meglio adottare misure preventive piuttosto che aspettare che si verifichi il disastro", ha dichiarato giovedì alla riunione annuale della Central Bank Research Association, a New York. Williams, nota la Cnbc, ha tenuto un discorso in cui si discuteva su che cosa dovrebbero fare le banche centrali quando sono vicine allo "zero lower bound" (Zlb, ovvero tassi d'interesse intorno allo zero). Parole che sono state lette come l'ennesima conferma del probabile taglio dei tassi nel meeting del Federal Open Market Committee (Fomc, la commissione della Fed che si occupa di politiche monetarie) di 30-31 luglio. La Fed di New York ha però precisato che il discorso di Williams era puramente accademico e non era da intendersi come un riferimento alle attuali politiche del Fomc. Il risultato è stato comunque un rialzo intorno all'1% per l'indice Msci Asia-Pacific, Giappone escluso.

Sul fronte valutario il Bloomberg Dollar Spot Index, paniere che monitora la divisa americana nei confronti delle altre dieci principali monete, è in recupero dai minimi di tre settimane segnati giovedì e il parallelo declino dello 0,30% dello yen sul biglietto verde contribuisce a sostenere la piazza di Tokyo: il Nikkei 225 guadagna infatti il 2,00% (performance simile per l'indice più ampio Topix, apprezzatosi dell'1,94%). Sul fronte macroeconomico, l'indice dei prezzi al consumo del Sol Levante è salito in giugno dello 0,7% annuo, con lo stesso tasso registrato in maggio e in linea con il consensus. Il tasso d'inflazione core è però sceso allo 0,6% annuo dallo 0,8% precedente, anche in questo caso in linea con le attese degli economisti. L'indice delle attività industriali del Giappone è invece rimasto invariato in maggio, dopo il progresso dello 0,7% annuo di aprile.