Balzo in avanti per il Dax. Il Dax approfitta delladecisione della Banca Centrale Europea di lasciare invariata, anche se solo perora, la politica monetaria. La Bce ha infatti confermato che QE da 2300miliardi di euro sara' disattivato a dicembre, mentre nell'ultimo trimestre gliacquisti di asset verranno ridotti da 30 miliardi a 15 miliardi di euro almese. Il Dax come detto si e' avvantaggiato di queste notizie, spingendosi finoin area 13120 dopo aver toccato in avvio di seduta un minimo a 12800 punti. Lequotazioni sono quindi ormai in vista delle resistenze offerte a 13170 puntidal lato alto del gap ribassista del 23 maggio e dal top del 22 maggio a 13204punti. In caso di superamento anche di quest'ultimo livello, dove si colloca il78,6% di ritracciamento del ribasso dal top di gennaio, ultimo dei gradininella scala dei ritracciamenti di Fibonacci, sarebbero proprio i massimi digennaio a 13597 punti ad entrare nel mirino. Ripiegamenti in area 13000 non danneggerebberole prospettive rialziste descritte, sotto quei livelli invece potrebberealizzarsi un "return move" a testare dall'alto il top del 5 giugno,a 12925 punti con supporto successivo in area 12800 punti.

(AM - www.ftaonline.com)