La Borsa di New York ha aperto la seduta senza grandi variazioni all'indomani della decisione della Fed di confermare i tassi di interesse. Il Dow Jones cede lo 0,05%, l'S&P 500 lo 0,08% mentre il Nasdaq Composite guadagna lo 0,15%.
Tra i titoli in evidenza Kellogg -4%. Il gruppo dei cereali ha chiuso il primo trimestre 2019 con un utile netto in calo a 282 milioni di dollari da 444 milioni del primo trimestre 2018.
Qualcomm +3%. Il gruppo dei semiconduttori ha comunicato risultati relativi al secondo trimestre del suo esercizio migliori rispetto alle attese. Nei tre mesi la società californiana ha registrato profitti netti più che raddoppiati da 330 milioni, pari a 22 centesimi per azione, a 663 milioni, e 55 centesimi. Su base rettificata l'eps si è attestato a 77 centesimi, a fronte di ricavi in declino da 5,22 a 4,98 miliardi di dollari. Il consensus di FactSet era invece per 71 centesimi e 4,80 miliardi rispettivamente.
Zynga +10%. La società specializzata in videogiochi strettamente legati a Facebook ha comunicato risultati relativi al primo trimestre segnati da un rosso di 128,8 milioni di dollari, pari a 14 centesimi per azione, contro 5,6 milioni, e 1 centesimo, di profitti del pari periodo dello scorso esercizio. Su base rettificata la perdita si è attestata a 7 centesimi per azione, contro attese degli analisti per un utile di 5 centesimi. Nei tre mesi le vendite sono cresciute del 27% a 265,4 milioni di dollari, contro però i 328 milioni del consensus di FactSet. Balzo del 64% a 359 milioni, invece, per gli ordinativi, contro i 326,5 milioni del consensus di Refinitiv. Positiva anche la guidance: Zynga ha migliorato infatti di 50 milioni a 1,2 miliardi la stima di ricavi nell'intero esercizio.