La settimana dei mercati finanziari si è conclusa oggi con i riflettori puntati sull'importante appuntamento di domani, quando è previsto il voto del Parlamento britannico sulla Brexit.

Gli analisti di Unicredit in una nota diffusa oggi hanno evidenziato che i rendimenti del Bund a 10 anni e dei Treasury hanno registrato un incremento di circa 15 punti base da giovedì della scorsa settimana.

Questo rialzo è avvenuto sulla scia dell'esito di un incontro tra il Primo Ministro britannico, Boris Johnson e il suo omologo irlandese, Leo Varadkar,che ha visto aumentare nettamente la possibilità di raggiungere un accordo sulla Brexit.

Gli strategist evidenziano che alcuni punti del rialzo messo a segno dal rendimento del Bund erano dovuti probabilmente all'esito dei negoziati commerciali tra Cina e Stati Uniti.

Secondo Unicredit se il Parlamento britannico domani dovesse bocciare l'accordo raggiunto con l'Unione europa, allora il rendimento del Bund potrebbe precipitare di circa 10 punti base la prossima settimana.

Al contrario, in caso di esito positivo del voto, ossia di approvazione dell'intesa, per gli analisti il rendimento del Bund non salirà più di 10 basis points.

Questo per via della persistente debole prospettiva di crescita globale e delle posizioni accomodanti della Fed e in particolare della BCE.