FinecoBank, facendo seguito al Comunicato Stampa diffuso in data 17 gennaio 2020, comunica che in data odierna si è riunita l'Assemblea degli Azionisti, convocata in sessione ordinaria e straordinaria, per deliberare sui seguenti argomenti all'ordine del giorno:

*Parte Ordinaria *

*Integrazione del Consiglio di Amministrazione. Delibere inerenti e conseguenti
L'Assemblea ha deliberato la nomina, quale membro del Consiglio di Amministrazione della Banca, del Sig. *Andrea Zappia
, cooptato dal medesimo organo di amministrazione nella riunione dello scorso 15 gennaio ai sensi dell'art. 2386 c.c.. La relativa delibera è stata approvata con il voto favorevole del 99,64% del capitale presente. Il mandato del nuovo Consigliere scadrà alla data della prossima Assemblea che sarà convocata per l'approvazione del bilancio al 31 dicembre 2019, unitamente agli altri componenti il Consiglio.

*Parte Straordinaria *

**Modifica degli artt. 13, 17 e 23 dello statuto sociale anche ai fini dell'attribuzione al Consiglio di Amministrazione della facoltà di presentare una propria lista di candidati alla carica di Amministratore e incremento del numero degli Amministratori tratti dalla lista di minoranza. Deliberazioni inerenti e conseguenti
L'Assemblea ha deliberato le modifiche degli artt. 13, 17 e 23 dello Statuto sociale aventi, tra l'altro, ad oggetto l'attribuzione al Consiglio di Amministrazione della facoltà di presentare una propria lista di candidati alla carica di amministratori e l'incremento del numero di consiglieri tratti dalle liste di minoranza. Inoltre, in materia di requisiti di idoneità degli esponenti: (i) è stato previsto il riferimento alla normativa europea dedicata (Direttiva 26 giugno 2013 n. 36), (ii) sono stati richiamati, oltre ai requisiti di professionalità e onorabilità, anche i criteri di competenza, correttezza, disponibilità di tempo e limiti al cumulo degli incarichi previsti dalla normativa vigente, nonché (iii) è stata codificata la declinazione dei requisiti di indipendenza in linea con la formulazione attuale del Codice di Autodisciplina. La Banca d'Italia ha rilasciato il relativo provvedimento di accertamento ai sensi degli artt. 56 e 61 del D. Lgs. 1 settembre 1993, n. 385 (TUB). La delibera di approvazione delle modifiche statutarie è stata assunta all'unanimità.