Avvio positivo a Piazza Affari. L'indice Ftse Mib segna un +0,96% a 23.961 punti, mentre l'All Share segna un +0,95%.

Lo spread tra Btp e Bund tedesco a dieci anni apre in lieve calo rispetto alla soglia dei 150 punti sfondati ieri dopo le indiscrezioni sulla Bozza di contratto per il governo tra M5S e Lega a 147,7 punti. Sale invece ancora il rendimento del titolo decennale italiano stamani al 2,12%.

Euro debole sul dollaro sulle posizioni della vigilia alle prime battute sui mercati internazionali: la moneta unica europea passa di mano a quota 1,803 come ieri sera dopo la chiusura di Wall street. cede lievemente lo yen a 130,50.

Quotazioni del petrolio in aumento sul mercato after hour di New York dove i contratti sul greggio Wti con scadenza a giugno guadagnano 25 centesimi a 71,74 dollari al barile; sale anche il Brent di 13 centesimi e viene scambiato a 79,41 dollari.Da inizio 2018 le quotazioni del petrolio sono salite del 17%. Ad incidere sui prezzi le politiche di contenimento della produzione dell'Opec e le rinnovate tensioni internazionali degli Usa con l'Iran e in Medio Oriente.

Quotazioni dell'oro in netto ribasso sui mercati asiatici come contraltare al balzo dei rendimenti dei Treasury Usa a 10 anni saliti sopra il 3,1%. Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.291 dollari l'oncia dopo essere sceso fino a 1.286 dollari nella giornata di ieri.