Piazza Affari brillante, mercati ottimisti su manovra. FTSE MIB +2,23%.

Mercati azionari europei positivi. Wall Street in netto rialzo: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 +1,4%, Nasdaq Composite +1,8%, Dow Jones Industrial +1,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +2,23%, il FTSE Italia All-Share a +2,25%, il FTSE Italia Mid Cap a +2,49%, il FTSE Italia STAR a +2,65%. Piazza Affari in ottima forma dopo che il governo ha approvato ieri sera la legge di Bilancio 2019, il decreto legge fiscale, e inviato il Documento programmatico di bilancio (Dpb) alla Commissione Europea. Quest'ultima ha due settimane per valutarlo ed eventualmente respingerlo. Il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha mostrato ottimismo sulle possibilità che il negoziato con la Commissione abbia esito positivo. Reuters riferisce che il Dpb prevede 33,5 miliardi di euro tra minori entrate e maggiori spese, con 11,7 miliardi di coperture, contro i 37 miliardi di spesa aggiuntiva e 15 di coperture della manovra illustrata da Tria in Parlamento (quindi un budget più "leggero"). Buona anche la reazione del mercato obbligazionario con rendimento del BTP decennale in calo al 3,46% (-9 bp rispetto alla chiusura di ieri) e spread sul Bund a 297 bp (da 304).

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA a settembre la produzione industriale ha evidenziato una crescita dello 0,3% rispetto al mese precedente. Il dato ha battuto attese (+0,2%). Negli Stati Uniti e' stato reso noto che l'Indice del Mercato Immobiliare NAHB (National Association of Home Builders) è salito nel mese di settembre a 68 punti, risultando pari al consensus. Negli USA l'indagine JOLTS (Job Openings and Labor Turnover Survey) segnala che le posizioni lavorative ricercate dai datori di lavoro ad agosto si sono attestate a 7,136 milioni, superiori ai 7,077 milioni di luglio (dato rivisto da 6,939 mln) e ai 6,945 milioni attesi dagli economisti. Eurostat ha comunicato che nel mese di agosto il surplus della Bilancia Commerciale dell'Eurozona (dato destagionalizzato) e' risultato pari a 11,7 mld di euro, in calo dai 15,3 mld di agosto 2017. In Germania e' stato reso noto che l'indice Zew, che misura la fiducia degli investitori istituzionali in merito alle aspettative sull'economia del paese tedesco, è in calo anche nel mese di ottobre. Il dato si è attestato a -24,7 punti dai -10,6 punti di settembre a fronte di attese degli analisti pari a -12,3 punti. Nel Regno Unito a settembre il numero di persone che hanno richiesto sussidi di disoccupazione e' aumentato di 18.500 unita' (le aspettative erano fissate su un incremento di 4.500 unità). Nel trimestre giugno-agosto l'Indice di retribuzione media con bonus è salito del 2,7%, risultando superiore alle attese e alla rilevazione precedente, entrambi pari al 2,6%. Lo stesso indice, calcolato escludendo i bonus, e' cresciuto del 3,1% (consensus +2,9%) dal +2,9% della rilevazione precedente. In Italia l'Istat rende noto che nel mese di agosto il fatturato dell'industria è aumentato dell'1,2% m/m e del 3,2% a/a, mentre gli ordinativi registrano una crescita del 4,9% m/m e dello 0,9% a/a. L'Istat rende noto che nel mese di settembre 2018 l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisce dello 0,5% rispetto al mese precedente e aumenta dell'1,4% su base annua (era +1,6% ad agosto). La stima preliminare era +1,5%.