Piazza Affari positiva con i petroliferi. FTSE MIB +0,53%.

Mercati azionari europei riducono i guadagni nel finale. Wall Street in netto calo: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -1,5%, NASDAQ Composite -1,8%, Dow Jones Industrial -1,6%.

*A Milano il FTSE MIB ha terminato a +0,53%, il FTSE Italia All-Share a +0,49%, il FTSE Italia Mid Cap a +0,29%, il FTSE Italia STAR a +0,59%.

BTP positivi: *il decennale rende il 3,14% (-1 bp rispetto alla chiusura di ieri), lo spread sul Bund segna 288 bp (-3 bp) (dati MTS). Il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha smentito le ipotesi di dimissioni.

Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata, negli USA a novembre i nuovi posti di lavoro, nei settori non agricoli, sono cresciuti di 155 mila unita' da 237 mila unità precedenti. Il dato e' nettamente inferiore alle attese degli analisti che si aspettavano una crescita di 200 mila impieghi. Il tasso di disoccupazione si attesta al 3,7%, pari alla rilevazione precedente e alle attese. La stima preliminare di dicembre dell'indice di fiducia dei consumatori statunitensi, calcolato dall'Università del Michigan e da Reuters, si attesta a 97,5 punti, risultando pari alle previsioni degli addetti ai lavori e alla rilevazione precedente. Eurostat ha reso noto il dato finale relativo al PIL dell'eurozona nel terzo trimestre 2018, fissandolo a +0,2% su base trimestrale, in linea con la lettura preliminare ma inferiore alla lettura del secondo trimestre pari a +0,4%. Su base annuale il PIL è cresciuto dell'1,6%, inferiore alle attese e alla lettura preliminare fissata al +1,7% e dal +2,2% del secondo trimestre. In Germania Destatis ha indicato per la produzione industriale una variazione negativa dello 0,5% a ottobre rispetto al mese precedente. Il dato è risultato inferiore alle attese degli analisti che avevano stimato un incremento pari allo 0,3%. A settembre la produzione industriale era cresciuta dello 0,1%, rivista al ribasso da +0,2%. In Italia l'Istat rende noto che a ottobre 2018 le vendite al dettaglio hanno fatto segnare un lieve aumento rispetto al mese precedente (+0,1% in valore e +0,2% in volume). Su base annua, le vendite al dettaglio aumentano dell'1,5% in valore e dell'1,6% in volume.