La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L'analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

A2a

A2A (+2,08%) rimbalza dopo essere scesa a contatto con la media mobile a 50 giorni a 1,43/1,44 circa. La permanenza sopra quest'area potrebbe favorire un nuovo attacco ad area 1,50 che la scorsa ottava ha frenato le ambizioni di crescita. Oltre questo limite via libera verso il picco pluriennale di fine giugno a 1,5380. Indicazioni negative invece sotto 1,43.
-Target: 1,4760 euro
-Negazione: 1,31 euro
-RSI (14): neutrale
*
Prysmian *

Prysmian (+0,04%) ha raggiunto a 28,50 circa il lato alto del canale crescente che parte dai minimi di febbraio. L'arrivo su questo livello unito all'ipercomprato in cui sono sconfinati gli oscillatori tecnici più comuni potrebbe ora favorire una pausa correttiva che sotto 27,90 riporterebbe i prezzi in area 27,20 e 26,90 circa. Sviluppi positivi invece oltre 28,50 per obiettivi a 30,50 circa.
-Target: 30,50 euro
-Negazione: 27,90 euro
-RSI (14): ipercomprato

Piaggio

Nuovo slancio rialzista per Piaggio (+5,45%) che tenta di lasciarsi definitivamente alle spalle area 2,50, coincidente con il 61,8% di ritracciamento del ribasso partito nel giugno del 2015, con l'obiettivo di riattivare la tendenza rialzista in atto da febbraio verso 2,80 e 3 euro. La spinta perderebbe vigore invece nel caso di discese sotto 2,30.
-Target: 2,80 euro
-Negazione: 2,30 euro