BCE

RSS

BCE, la Banca Centrale dell'Eurozona

La Banca Centrale Europea, altrimenti detta BCE o EBC (European Central Bank), è l’Istituzione economico-comunitaria che fa capo ai 18 Stati facenti parte l’Unione europea, aventi come moneta di riferimento l’euro. In tal senso, gestisce non solo la politica e le scelte decisionali in capo alla moneta unica, ma funge in generale da garante della stabilità dei prezzi e da definitore della strategia monetaria ed economica europea.
Dal primo novembre 2011 il presidente in carica alla BCE è l’italiano Mario Draghi (ex Banca d’Italia) succeduto al francese Jean-Claude Trichet (ex Banque de France).

La BCE ha sede presso l’Eurotorre, in Germania, a Francoforte sul Meno.

Le origini della Banca Centrale Europea

La nascita della Banca Centrale Europea è fissato al 1° giugno 1998, in riferimento al Trattato sull’Unione Europea e allo “Statuto del Sistema Europeo di Banche Centrali e della Banca Centrale Europea”. L’istituto è divenuto ufficialmente operativo il 1° gennaio 1999, a seguito dell’unificazione delle funzioni di politica monetaria e tasso di cambio svolte dalle (all’epoca) undici Banche Centrali nazionali, sotto l’organo direttivo della BCE (con personalità giuridica autonoma).
In tale sede sono stati fissati inoltre in maniera irrevocabile i tassi di conversione tra le singole monete statali e la moneta unica, non ancora in circolazione: l’euro.

Con un’Unione Europea in cui solo 18 Stati su 28 hanno all’oggi adottato la moneta unica come divisa nazionale, ha acquisito importanza il SEBC (Sistema Europeo delle Banche Centrali), volto a conciliare sotto un unico raggruppamento la Banca Centrale Europea e le singole Banche Centrali nazionali, aventi la libertà di scegliere autonomamente la propria politica monetaria.

Obiettivi legati all’istituzione della BCE

Tra gli obiettivi inizialmente fissati dal Trattato di Maastricht (cui il modello della BCE fa riferimento), vi sono:

  • sviluppo armonioso ed equilibrato delle attività economiche nell'insieme della Comunità
  • crescita sostenibile, non inflazionistica, che rispetti l'ambiente
  • raggiungimento e mantenimento di un elevato livello di occupazione e protezione sociale
  • coesione economica e sociale
  • solidarietà tra Stati membri.

Le funzioni in capo alla BCE

La BCE svolge inoltre le funzioni di:

  • autorizzare (con diritto esclusivo) l'emissione di banconote all'interno dell’Eurozona
  • acquisire informazioni statistiche rilevanti finalizzate per lo svolgimento dell’attività specifica da Autorità nazionali competenti (istituti di statistica) o direttamente da operatori economici
  • possibilità di intrattenere relazioni operative con istituzioni e organi interni all'Unione Europea ed esterni ad essa, negli ambiti di competenza dell’euro-sistema.

Diversamente, sono demandate al SEBC funzioni quali:

  • definire e attuare la politica monetaria per l'area dell'euro
  • svolgere le operazioni sui cambi
  • detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell'area dell'euro
  • promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.

La BCE ha facoltà di emanare decisioni e raccomandazioni non vincolanti, con l’obbligo per gli Stati membri di rivolgersi alla stessa per qualsiasi modifica dei trattati riguardanti il settore monetario e la variazione di atti inerenti materie di competenza specifica dell’Unione.

Le finalità dell’operato della BCE

Il principale fine legato all’operato della BCE è rintracciabile nel controllo dei prezzi per il mantenimento del potere d’acquisto stabile all’interno dell’Eurozona. Sempre sull’area euro la Banca Centrale svolge il ruolo di supervisore del livello d’inflazione (ritenuto ottimale attorno alla soglia del 2%), sul quale può agire attivamente tramite operazioni straordinarie.

Tra le operazioni straordinarie, l’istituto centrale ha facoltà di modificare non solo la quantità di base monetaria in circolazione, ma anche di fissare un livello adeguato dei tassi di interesse (tassi di rifinanziamento); detta altrimenti, le due strategie a disposizione della Banca Centrale per l’attuazione della politica monetaria sono due, vale a dire: Monetary targeting ed Inflation Targeting.
Ispirata alle due precedenti strategie e potendo beneficiare di un’ampia scelta di materiale empirico cui fare riferimento, la BCE ha optato per l’attuazione di una terza via: la strategia di politica monetaria orientata alla stabilità, data dall’unione delle due precedenti.

Gli strumenti a disposizione della Banca Centrale Europea

Gli strumenti convenzionali a disposizione della BCE, nonché della SEBC, per gestire e modificare la politica monetaria sono:

  • operazioni di mercato aperto, date dall’acquisto/vendita di titoli ad elevato merito creditizio (rating), per lo più nella forma dei pronti contro termine. Tra queste si annoverano le operazioni di Rifinanziamento principale (che riforniscono la maggior parte della base monetaria) ed operazioni di Finanziamento a lungo termine.

  • operazioni su iniziativa delle controparti, svolte sull’overnight, che prevedono l’iniezione o l’assorbimento di liquidità in un arco temporale compreso tra il pomeriggio e la mattina del giorno seguente. In particolare, il Rifinanziamento marginale è la concessione di un prestito ad una banca ad un tasso prestabilito dalla BCE (dietro garanzia e per una necessità di liquidità temporanea); il deposito marginale è, all’inverso, il deposito della liquidità in eccesso dato dalla banca singola contro la corresponsione di un tasso fissato dalla BCE (ove tasso di Rifinanziamento marginale - tasso di deposito marginale = “corridoio” di fluttuazione del tasso interbancario)

  • variazione dei coefficienti di Riserva (mediamente attorno al valore del 2% mensile), intendendo col termine “riserva” l’insieme dei depositi, dei titoli di debito e dei titoli di mercato monetario (con scadenza sotto i due anni) che gli istituti nazioni sono tenuti a depositare presso la BCE. Tale deposito da modo alle singole banche di mobilitare le riserve in caso di necessità, senza dover ricorrere al mercato interbancario con richieste di liquidità aggiuntiva.

Per maggiori informazioni: BCE-BANCA CENTRALE EUROPEA



Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari tra due fuochi: Fed e BCE decideranno le sorti ora

Il Ftse Mib ha guadagnato terreno per la terza seduta consecutiva, ma ora la palla passa alle due Banche Centrali. I market movers di domani.

Piazza Affari tra due fuochi: Fed e BCE decideranno le sorti ora

Le (tante) sfide delle banche italiane nel 2018

L'inizio della settimana è stato particolarmente favorevole al settore bancario, aiutato anche dalle parole del ministro dell'Economia Giovanni Tria che ha rassicurato sulla presenza dell'Italia nell'Euro. Ma gli istituti di credito si trovano comunque di fronte a diverse sfide per il resto del 2018. Quali? La risposta di Filippo Diodovich Market Strategy per IG.

Le (tante) sfide delle banche italiane nel 2018

Ottava bollente per le Borse: broker ancora bullish sull'equity

La settimana in corso potrebbe rivelarsi la più importante dell'anno per i mercati, vista la molteplicità di appuntamenti in agenda. Focus sulle Banche Centrali e non solo: tutti i market movers da seguire.

Ottava bollente per le Borse: broker ancora bullish sull'equity

Piazza Affari: rischi al ribasso immutati. Focus su vari titoli

Il rimbalzo di ieri non deve alimentare facili entusiasmi: nel breve non sono da escludere nuovi minimi per il Ftse Mib. L'analisi e le previsioni di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari: rischi al ribasso immutati. Focus su vari titoli

Bank of America: in 5 giorni 3 banche centrali

5 giorni e tre meeting di banche centrali, una concentrazione interessante soprattutto se si pensa che da queste riunioni dovrà nascere la nuova politica monetaria che governerà i mercati nel prossimo futuro.

Bank of America: in 5 giorni 3 banche centrali

Da Trump alla Bce: la difficile agenda dei mercati

Quella che si apre è una settimana ricca di eventi decisivi. A cominciare dallo storico incontro tra il presidente Usa Donald Trump e il dittatore coreano Kim Jong Un, passando per le riunioni praticamente di tutte le maggiori banche centrali.

Da Trump alla Bce: la difficile agenda dei mercati

EUR/USD in recupero, ma per gli analisti non andrà molto lontano

L'euro sembra puntare a quota 1,18 contro il dollaro, aiutato anche da alcuni rumors sulla BCE e dal tema dei dazi che pesa sulla divisa Usa. Gli esperti però non credono che la moneta unica possa salire ancora molto.

EUR/USD in recupero, ma per gli analisti non andrà molto lontano

Piazza Affari scende: QE chiuso entro il 2018? Per Weidmann sì

Mentre l'Europa sale, l'Italia scende. Perchè? Evidentemente Piazza Affari teme la Bce e la politica.

Piazza Affari scende: QE chiuso entro il 2018? Per Weidmann sì

EUR/USD travolto dalla crisi italiana: la discesa non è finita

La situazione politica di Spagna e Italia zavorra la moneta unica nei confronti del dollaro. Per gli analisti la caduta dell'EUR/USD non è arrivata al capolinea: prossima fermata area 1,10?

EUR/USD travolto dalla crisi italiana: la discesa non è finita

Perchè temere lo spread?

Sale lo spread. Paura sui mercati. Ma per quale motivo l'uomo comune deve preoccuparsi di qualcosa che gli è apparentemente lontano?

Perchè temere lo spread?

Weidmann: sono pronto a sostituire Draghi

Arrivata la conferma ufficiale da parte del diretto interessato: il presidente della Bundesbank Jens Weidmann ha dichiarato di sentirsi pronto a rivestire il ruolo di governatore della Bce dopo l'addio di Mario Draghi.

Weidmann: sono pronto a sostituire Draghi

E se la Bce prolungasse il QE?

Mentre la Fed, con l'aiuto di una forte ripresa economica Usa, sta aumentando i tassi di interesse, dall'altra parte dell'oceano, invece, la Banca Centrale Europea si trova nella situazione opposta.

E se la Bce prolungasse il QE?

EUR/USD ancora debole: verso rally strutturale del dollaro?

Prosegue senza sosta la discesa dell'euro-dollaro che non trova alcuno spunto per risalire la china. Gli analisti vedono un biglietto verde ancora forte e non escludono che il recupero in atto possa essere più lungo del previsto.

EUR/USD ancora debole: verso rally strutturale del dollaro?

L'euro si piega contro il dollaro. Le ultime dalla Bce

Il Ftse MIB, alle 13.15 infatti segnava un saldo parziale dello 0,66% (23.959 punti), il Ftse 100 di Londra 0,12%, il Cac 40 di Parigi 0,46% e il Dax di Francoforte 0,24%.

L'euro si piega contro il dollaro. Le ultime dalla Bce

EUR/USD ancora giù: meglio scommettere sulla valuta Usa ora?

Da giovedì scorso il cross euro-dollaro ha avviato un movimento discendente che lo ha portato a perdere oltre due figure. I motivi alla base del recupero del biglietto verde e le attese degli analisti nel breve.

EUR/USD ancora giù: meglio scommettere sulla valuta Usa ora?
apk