BCE

BCE, la Banca Centrale dell'Eurozona

La Banca Centrale Europea, altrimenti detta BCE o EBC (European Central Bank), è l’Istituzione economico-comunitaria che fa capo ai 18 Stati facenti parte l’Unione europea, aventi come moneta di riferimento l’euro. In tal senso, gestisce non solo la politica e le scelte decisionali in capo alla moneta unica, ma funge in generale da garante della stabilità dei prezzi e da definitore della strategia monetaria ed economica europea.
Dal primo novembre 2011 il presidente in carica alla BCE è l’italiano Mario Draghi (ex Banca d’Italia) succeduto al francese Jean-Claude Trichet (ex Banque de France).

La BCE ha sede presso l’Eurotorre, in Germania, a Francoforte sul Meno.

Le origini della Banca Centrale Europea

La nascita della Banca Centrale Europea è fissato al 1° giugno 1998, in riferimento al Trattato sull’Unione Europea e allo “Statuto del Sistema Europeo di Banche Centrali e della Banca Centrale Europea”. L’istituto è divenuto ufficialmente operativo il 1° gennaio 1999, a seguito dell’unificazione delle funzioni di politica monetaria e tasso di cambio svolte dalle (all’epoca) undici Banche Centrali nazionali, sotto l’organo direttivo della BCE (con personalità giuridica autonoma).
In tale sede sono stati fissati inoltre in maniera irrevocabile i tassi di conversione tra le singole monete statali e la moneta unica, non ancora in circolazione: l’euro.

Con un’Unione Europea in cui solo 18 Stati su 28 hanno all’oggi adottato la moneta unica come divisa nazionale, ha acquisito importanza il SEBC (Sistema Europeo delle Banche Centrali), volto a conciliare sotto un unico raggruppamento la Banca Centrale Europea e le singole Banche Centrali nazionali, aventi la libertà di scegliere autonomamente la propria politica monetaria.

Obiettivi legati all’istituzione della BCE

Tra gli obiettivi inizialmente fissati dal Trattato di Maastricht (cui il modello della BCE fa riferimento), vi sono:

  • sviluppo armonioso ed equilibrato delle attività economiche nell'insieme della Comunità
  • crescita sostenibile, non inflazionistica, che rispetti l'ambiente
  • raggiungimento e mantenimento di un elevato livello di occupazione e protezione sociale
  • coesione economica e sociale
  • solidarietà tra Stati membri.

Le funzioni in capo alla BCE

La BCE svolge inoltre le funzioni di:

  • autorizzare (con diritto esclusivo) l'emissione di banconote all'interno dell’Eurozona
  • acquisire informazioni statistiche rilevanti finalizzate per lo svolgimento dell’attività specifica da Autorità nazionali competenti (istituti di statistica) o direttamente da operatori economici
  • possibilità di intrattenere relazioni operative con istituzioni e organi interni all'Unione Europea ed esterni ad essa, negli ambiti di competenza dell’euro-sistema.

Diversamente, sono demandate al SEBC funzioni quali:

  • definire e attuare la politica monetaria per l'area dell'euro
  • svolgere le operazioni sui cambi
  • detenere e gestire le riserve ufficiali dei paesi dell'area dell'euro
  • promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento.

La BCE ha facoltà di emanare decisioni e raccomandazioni non vincolanti, con l’obbligo per gli Stati membri di rivolgersi alla stessa per qualsiasi modifica dei trattati riguardanti il settore monetario e la variazione di atti inerenti materie di competenza specifica dell’Unione.

Le finalità dell’operato della BCE

Il principale fine legato all’operato della BCE è rintracciabile nel controllo dei prezzi per il mantenimento del potere d’acquisto stabile all’interno dell’Eurozona. Sempre sull’area euro la Banca Centrale svolge il ruolo di supervisore del livello d’inflazione (ritenuto ottimale attorno alla soglia del 2%), sul quale può agire attivamente tramite operazioni straordinarie.

Tra le operazioni straordinarie, l’istituto centrale ha facoltà di modificare non solo la quantità di base monetaria in circolazione, ma anche di fissare un livello adeguato dei tassi di interesse (tassi di rifinanziamento); detta altrimenti, le due strategie a disposizione della Banca Centrale per l’attuazione della politica monetaria sono due, vale a dire: Monetary targeting ed Inflation Targeting.
Ispirata alle due precedenti strategie e potendo beneficiare di un’ampia scelta di materiale empirico cui fare riferimento, la BCE ha optato per l’attuazione di una terza via: la strategia di politica monetaria orientata alla stabilità, data dall’unione delle due precedenti.

Gli strumenti a disposizione della Banca Centrale Europea

Gli strumenti convenzionali a disposizione della BCE, nonché della SEBC, per gestire e modificare la politica monetaria sono:

  • operazioni di mercato aperto, date dall’acquisto/vendita di titoli ad elevato merito creditizio (rating), per lo più nella forma dei pronti contro termine. Tra queste si annoverano le operazioni di Rifinanziamento principale (che riforniscono la maggior parte della base monetaria) ed operazioni di Finanziamento a lungo termine.

  • operazioni su iniziativa delle controparti, svolte sull’overnight, che prevedono l’iniezione o l’assorbimento di liquidità in un arco temporale compreso tra il pomeriggio e la mattina del giorno seguente. In particolare, il Rifinanziamento marginale è la concessione di un prestito ad una banca ad un tasso prestabilito dalla BCE (dietro garanzia e per una necessità di liquidità temporanea); il deposito marginale è, all’inverso, il deposito della liquidità in eccesso dato dalla banca singola contro la corresponsione di un tasso fissato dalla BCE (ove tasso di Rifinanziamento marginale - tasso di deposito marginale = “corridoio” di fluttuazione del tasso interbancario)

  • variazione dei coefficienti di Riserva (mediamente attorno al valore del 2% mensile), intendendo col termine “riserva” l’insieme dei depositi, dei titoli di debito e dei titoli di mercato monetario (con scadenza sotto i due anni) che gli istituti nazioni sono tenuti a depositare presso la BCE. Tale deposito da modo alle singole banche di mobilitare le riserve in caso di necessità, senza dover ricorrere al mercato interbancario con richieste di liquidità aggiuntiva.

Per maggiori informazioni: BCE-BANCA CENTRALE EUROPEA



Banche: sell-off con scure BCE su Npl. I titoli più a rischio

Una pioggia di vendite si abbatte sui titoli del settore bancario complici le indicazioni di stampa sulle richieste della BCE. Npl da azzerare entro il 2026: gli impatti attesi sugli utili e sui nuovi accantonamenti.

Banche: sell-off con scure BCE su Npl. I titoli più a rischio

Piazza Affari: FTSE MIB drizza le antenne, fiuta il pericolo

Mercati azionari, a rischio il rally di inizio 2019? Azioni FTSE MIB, fari accesi sul settore bancario. Wall Street: doppio squillo ribassista, thrilling da trimestrali. Dopo Carige, preoccupa Mps ma non solo. Per il governo la spina banche.

Piazza Affari: FTSE MIB drizza le antenne, fiuta il pericolo

Bancari colpiti da tonfo Bca MPS. Brutte notizie per il settore

Il crollo di MPS travolge l'intero comparto, complici i rinnovati timori sulla copertura degli Npl. Le richieste della BCE contengono una buona notizia, ma anche una cattiva che rischia di creare un pericoloso precedente per le altre banche.

Bancari colpiti da tonfo Bca MPS. Brutte notizie per il settore

Borse in attesa di tante risposte: quali strategie seguire ora?

La volatilità sui mercati azionari continua a rimanere elevata anche perchè ci sono diversi temi caldi con cui fare i conti nel breve. Gli analisti consigliano prudenza: il focus è sulla crescita e sui tassi Usa. I market movers nel breve.

Borse in attesa di tante risposte: quali strategie seguire ora?

EUR/USD in rialzo: valuta Ue verso la svolta? La view dei broker

Il cross si conferma al momento in trading range tra 1,13 e 1,15, ma gli analisti prevedono che un simile andamento è destinato a mutare. Nel 2019 la scommessa vincente non sarà più sul dollaro: ecco perchè.

EUR/USD in rialzo: valuta Ue verso la svolta? La view dei broker

Piazza Affari: FTSE MIB coriaceo, pazienza sarà virtù dei forti

FTSE MIB, i livelli da monitorare e la correlazione con il Dow Jones. Warning Apple in after hours, ricavi Q1 2019 saranno inferiori alle attese. Piazza Affari, nuove grane nel settore bancario. Manovra Governo giallo-verde dalle parole ai fatti, ballano 161 decreti attuativi.

Piazza Affari: FTSE MIB coriaceo, pazienza sarà virtù dei forti

I rischi in arrivo nel 2019

Cosa evitare nel 2019? Quello che sta per arrivare, sul fronte dei rischi, è forse l'anno più incerto degli ultimi tempi.

I rischi in arrivo nel 2019

Piazza Affari: FTSE MIB timbra il biglietto, ultima corsa 2018

Wall Street, oscillazioni monstre sui listini. Focus 2019 sulla crescita dell'economia globale. Allarme Bce su deviazione Italia e Upb sulla pressione fiscale.

Piazza Affari: FTSE MIB timbra il biglietto, ultima corsa 2018

Riunione BCE senza sorprese

Il Presidente della BCE ha abbassato le previsioni di crescita per la zona euro: 1,9% per il 2018, 1,7% per il 2019 e 2020 e 1,5% nel 2021.

Riunione BCE senza sorprese

La BCE lascia invariati i tassi, conclude il QE

La Banca Centrale Europea ha lasciato invariati i tassi d’interesse nella riunione del 12 dicembre e ha annunciato la chiusura ufficiale del suo programma di Quantitative Easing alla fine dell’anno.

La BCE lascia invariati i tassi, conclude il QE

La Bce prevede una crescita fiacca

La BCE guarda a un contesto economico sempre più caratterizzato dal rischio e prevede per i prossimi anni una crescita fiacca (inferiore al 2%) e un'inflazione costantemente inferiore al 2% fino al 2021.

La Bce prevede una crescita fiacca

Da Draghi nessuna sorpresa: BCE accomodante, ma no Tltro per ora

Come previsto non c'è stato alcun intervento sui tassi di interesse ed è stata confermata la chiusura del QE a fine anno. BCE pronta ad agire se necessario: attesi dettagli ora su reinvestimenti.

Da Draghi nessuna sorpresa: BCE accomodante, ma no Tltro per ora

Bancari in rialzo: i titoli più promettenti secondo gli analisti

Il titolo del comparto risalgono la china grazie al calo dello spread e le banche d'affari segnalano ora le migliori opportunità di acquisto. Ecco i nomi su cui scommettere ora.

Bancari in rialzo: i titoli più promettenti secondo gli analisti

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari stacca il biglietto per nuovi rialzi?

Il Ftse Mib ha dato un seguito al recupero della vigilia e ora deve fare i conti con l'ostacolo di area 19.000 e ancor più con il meeting della BCE.

Piazza Affari stacca il biglietto per nuovi rialzi?

BCE verso una nuova fase: cosa aspettarsi dal meeting di domani?

Poche ore ci separano dall'evento clou della settimana che non dovrebbe portare ad annunci clamorosi. I mercati però pendono dalle labbra di Draghi per capire quali saranno le prossime mosse: focus sulla politica di reinvestimento.

BCE verso una nuova fase: cosa aspettarsi dal meeting di domani?
apk