Dow Jones

RSS

L’indice Dow Jones, Dow Jones Industrial Average Index, è tra i panieri di titoli più conosciuti del New York Stock Exchange, la Borsa di New York. Esso viene calcolato facendo riferimento ai 30 maggiori titoli quotati sulla piazza di Wall Street, non riferendosi dunque ai livelli di capitalizzazione.

L’origine dell’indice Dow Jones

L’origine del Dow Jones muove dagli Stati Uniti, quando venne creato un indice allo scopo di valutare e quantificare il ritmo di crescita dell’economia Statunitense. Il suo inventore, Charles Dow, era ed è considerato il padre dello studio sull’andamento dei prezzi dei titoli quotati.
Charles Dow nacque a Sterling il 6 novembre 1851 e morì a Brooklyn il 4 dicembre 1902. Noto giornalista statunitense, Charles sviluppò le Teorie di Dow, fondamentali per lo sviluppo moderno dell’analisi tecnica e, l’8 luglio 1889, fondò il celebre Wall Street Journal.

Il calcolo dell'indice

L’indice Dow Jones basa il proprio calcolo limitatamente a soli 30 titoli del listino newyorkese, appartenenti ad ogni settore della piazza. La scelta di un numero così ristretto (all’epoca della formazione) muoveva dalla necessità di voler includere le sole Blue Chip del mercato che meglio potessero rappresentare quanto “tirasse” l’economia.
Col passare del tempo lo scenario americano finanziario è però divenuto così consistente da rendere poco attendibile il quadro delineato dal Dow Jones, passato a rappresentare unicamente l’andamento delle migliori e più apprezzate società americane quotate.

Sull’indice Dow Jones è possibile effettuare posizionamenti tramite strumenti Futures di replica del sottostante: questi ultimi, a differenza di molti Financial Futures statunitensi, sono contrattati sul CBOT, il Chicago Board Of Trade.

Il calcolo del Dow Jones Industrial Average è effettuato dividendo la somma dei prezzi dei 30 titoli per un divisore apposito, che tiene conto dei cambi delle società di riferimento per quanto riguarda
composizione delle azioni, aumenti di capitale, fusioni e operazioni di finanza straordinaria in generale. Attualmente il divisore ha raggiunto valore inferiore ad 1, ovverosia, con un valore attribuito all’indice superiore rispetto alla media dei componenti.

La composizione del Dow Jones

Sebbene la dinamicità dell’indice porti le componenti (appartenenti ai diversi settori) a mutare a seconda delle condizioni di mercato (e al variare delle analisi pubblicate sul Wall Street Journal), tra i titoli storici inclusi nell’indice vi sono General Electric (1907), ExxonMobil (1928) e Procter & Gamble (1932); dal canto opposto, tra gli ultimi arrivati si annoverano Goldman Sachs, Nike e Visa, entrati nel 2013.
Tra i nomi storici, infine, spiccano McDonald’s (1985), Coca Cola (1987), Walt Disney (1991) e Microsoft (1999).

Per maggiori informazioni: DOW JONES



Wall Street premia il Tech che non delude: 15 Buy su Microsoft

A Wall Street fanno oggi la differenza le reazioni alle trimestrali: cala il Dow Jones, dove crolla 3M, mentre sul Nasdaq corrono Microsoft e Facebook spinti anche da numerose indicazioni bullish degli analisti.

Wall Street premia il Tech che non delude: 15 Buy su Microsoft







Wall Street lanciatissima sui massimi storici, Twitter a razzo

Dow Jones, The Coca-Cola Company in denaro dopo la trimestrale. Nyse, Twitter in rally sul Big Board. Lockheed Martin Corporation ben comprata, alza guidance 2019. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street lanciatissima sui massimi storici, Twitter a razzo

Wall Street trimestrali a manetta in arrivo, popcorn obbligatori

Trimestrali USA da Intel ad Amazon questa settimana. In focus pure il comparto petrolifero e quello delle telecomunicazioni, da Chevron ad AT&T. Ecco tutti gli appuntamenti da cerchiare sul calendario.

Wall Street trimestrali a manetta in arrivo, popcorn obbligatori

Wall Street double face dopo le feste: rosso Tesla, forte Exxon

Dow Jones, denaro su Exxon Mobil e UnitedHealth. Nyse, Kimberly-Clark sugli scudi dopo la trimestrale. Nasdaq, Tesla in difficoltà sul tabellone elettronico. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street double face dopo le feste: rosso Tesla, forte Exxon

Wall Street: 3 Titoli sullo Shuttle, pronti al decollo con il 5G

Le prospettive del 5G negli Stati Uniti. Tassi di crescita impressionanti attesi per i chipset 5G dal 2020 al 2026. 3 Titoli USA ben posizionati con lo standard cellulare di nuova generazione.

Wall Street: 3 Titoli sullo Shuttle, pronti al decollo con il 5G

Wall Street 10 titoli over the top da comprare, non lasciare più

I consigli di InvestorPlace, 10 titoli da acquistare e da conservare per sempre, da AT&T a Colgate-Palmolive, e passando per la holding di Warren Buffett.

Wall Street 10 titoli over the top da comprare, non lasciare più

Wall Street: ritorno a Pasquetta, cin cin Pinterest e Zoom Video

Dow Jones, vendite sui titoli farmaceutici. Bene Honeywell International dopo i conti, alza guidance. IPO NYSE e Nasdaq: esordio col botto per Zoom Video, molto bene anche Pinterest. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street: ritorno a Pasquetta, cin cin Pinterest e Zoom Video

Wall Street: bussola orientata sui decimali, frizzante PepsiCo

Dow Jones, tiro al bersaglio su IBM. Nasdaq, Netflix chiude gli scambi in rosso. Trimestrale PepsiCo non tradisce le attese. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street: bussola orientata sui decimali, frizzante PepsiCo

Wall Street: IBM, Netflix rivedibili sui conti, mezza bocciatura

International Business Machines, fatturato Q1 2019 al di sotto delle attese. Netflix, la guidance sugli utili Q2 2019 è molto ma molto soft. Tutti i numeri da Wall Street.

Wall Street: IBM, Netflix rivedibili sui conti, mezza bocciatura

Wall Street: Nasdaq centra il bersaglio, trimestrali in scena

Dow Jones, profondo rosso su UnitedHealth Group. Nyse, trimestrale Bank of America a due velocità. Nasdaq, Netflix alla resa dei conti. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street: Nasdaq centra il bersaglio, trimestrali in scena

Wall Street rischia una zampata dell'orso. Focus sui bancari

Gli indici azionari Usa mantengono un trend rialzista nel lungo periodo, ma nel breve è molto probabile una correzione. L'analisi e le strategie di Alessandro Cocco.

Wall Street rischia una zampata dell'orso. Focus sui bancari

Wall Street: 20 azioni con carte in regola, al top per investire

20 azioni USA appetibili, secondo David Kostin di Goldman Sachs, considerando la crescita dei dividendi, la bassa leva operativa ed il basso costo della manodopera. Da Texas Instruments a Foot Locker.

Wall Street: 20 azioni con carte in regola, al top per investire
apk