Fed

RSS

Federal Reserve (System), la Banca Centrale degli Stati Uniti

La Federal Reserve System, meglio nota come FED o Federale Riserve, è la Banca Centrale degli Stati Uniti d'America.

La Fed venne istituita il 23 dicembre del 1913 da parte del Congresso degli Stati Uniti, a seguito dell'approvazione del Federal Reserve Act, ed iniziò ad essere operativa l'anno successivo.

Le origini

A seguito della crisi finanziaria che colpì il paese nel 1907, venne creata la National Monetary Commission, che aveva il compito di studiare ed analizzare il processo del sistema monetario ed economico finanziario, comprese le dinamiche delle principali banche dell'epoca, per prevenire e limitare la possibilità di nuove crisi.

Dopo tre anni di indagini da parte della National Monetary Commission, venne proposto ed in seguito approvato il Federal Reserve Act.

La composizione della Federal Reserve System

La Federal Reserve System è l'agenzia governativa centrale, con sede operativa situata a Washington D.C.

Il Board of Governor (Comitato dei Governatori) of the Federal Reserve System è oggi composto da:

  • sette governatori, i quali vengono eletti direttamente dal Presidente degli Stati Uniti;

  • dodici Federal Reserve Bank regionali, che dispongono ognuna del proprio consiglio di amministrazione (composto da nove persone)

  • istituti bancari privati, i quali hanno l'obbligo di sottoscrivere le azioni non trasferibili appartenenti alle Reserve Bank, delle regioni in cui operano.

  • Advisory Councils.

Il Board of Governor della FED ed il gruppo delle 12 Reserve bank svolgono anche la funzione di controllo nei confronti degli intermediari finanziari e della loro attività; vigilano inoltre l'offerta di servizi bancari alle istituzioni creditizie e al Governo.

Le Federal Reserve Bank regionali sono suddivise in 12 distretti: San Francisco, Boston, New York, Philadelphia, Dallas, Minneapolis, St. Louis, Kansan City, Richmond, Cleveland, Atlanta e Chicago.

Il braccio decisionale della FED: il FOMC, Federal Open Market Committee

Il Federal Open Market Committee, detto FOMC è il comitato federale del mercato aperto, tra i principali e più influenti componenti del Federal Reserve System.
L'organismo, definito come il "braccio operativo" della FED, è composto dal Presidente della Federal Reserve Bank, da 7 governatori che compongono il Board of Governors e da 4 presidenti (delle Federal Reserve Bank regionali), nominati a rotazione.

Il Federal Open Market Committee, ha il compito di regolare la politica monetaria, sorvegliare le operazioni di mercato aperto degli States ed è, di conseguenza, munito del potere decisionale nella determinazione del tasso d'interesse (federal funds rate).

Le funzioni della FED

La FED ha il compito di controllare e regolare gli istituti bancari con il mero scopo di garantire la stabilità del sistema bancario nazionale e contenere i possibili rischi dovuti ai mercati finanziari. La FED determina la politica monetaria del paese, gestisce l'andamento dei tassi d'interesse del dollaro e svolge la funzione del servizio di tesoreria.

Ben Shalom Bernanke, alla guida della FED

L'attuale Presidente in carica del primo istituto americano (e del Comitato dei Governatori) è la democratica Janet Louise Yellen (economista nata a Brooklyn il 13 agosto 1946) eletta dal democratico alla Casa Bianca Barack Hussein Obama, seguita all'economista statunitense Ben Shalom Bernanke (nato ad Augusta nel 1953).
Nell'ottobre del 2005, l'allora Presidente in carica degli Stati Uniti George W. Bush nominò Ben Shalom Bernanke Presidente della FED, che successe al suo predecessore Alan Greenspan (in carica per 5 mandati di seguito).

Il comitato dei Governatori è attualmente composto da: Janet Louise Yellen (Presidente), Stanley Fischer (Vice-Presidente), Daniel Tarullo, Jerome H. Powell, Lael Brainard.

Per maggiori informazioni: FED



EUR/USD in rialzo, ma nel breve il dollaro resterà protagonista

Dai minimi dell'anno aggiornati due sedute fa a ridosso di quota 1,130, l'euro sta portando avanti un lento recupero. Gli analisti vedono destini differenti per il dollaro nel breve e nel lungo termine.

EUR/USD in rialzo, ma nel breve il dollaro resterà protagonista

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Le borse europee sono riuscite a chiudere tutte in positivo con la sola eccezione di Piazza Affari.

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

EUR/USD: un faticoso recupero. La corsa del dollaro non è finita

L'euro prova a risalire la china dopo aver toccato i minimi da oltre un anno, ma per gli analisti l'interesse per il biglietto verde resterà forte e non solo a causa della crisi Turca. I target attesi per il breve e medio periodo.

EUR/USD: un faticoso recupero. La corsa del dollaro non è finita

EUR/USD in rialzo, ma i broker puntano ancora sul dollaro

Dopo essere sceso sui minimi di fine giugno, ad un passo da quelli del 2018, l'euro sta provando a risalire la china. Per gli analisti però il dollaro si conferma un porto sicuro: nuovi apprezzamento nel breve?

EUR/USD in rialzo, ma i broker puntano ancora sul dollaro

Tensione per i dazi. Intanto la Boe aumenta i tassi

Spaventano e non poco le tariffe commerciali imposte degli Stati Uniti alle merci in entrata dalla Cina, decisione che si affianca al nuovo rialzo dei dazi da parte della BoE.

Tensione per i dazi. Intanto la Boe aumenta i tassi

Wall Street balla in pista con la Fed, conferma copione estivo

Nasdaq, Apple vicinissima al trilione di dollari di capitalizzazione. Vendite su Frontier Communications dopo la trimestrale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le ultime sul costo del denaro negli USA da qui a fine anno.

Wall Street balla in pista con la Fed, conferma copione estivo

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Giornata caratterizzata dalle numerose trimestrali, pubblicazioni che condizionano inevitabilmente l’andamento dei titoli.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Wall Street cauta tra tensioni commerciali e attesa Fed

Il mercato attende di conoscere altri aggiornamenti macro dopo la stima ADP migliore del previsto. In serata il verdetto della Fed: corre Apple dopo i conti.

Wall Street cauta tra tensioni commerciali e attesa Fed

Wall Street risale dopo il calo di ieri. Focus su Pfizer e P&G

Poche sorprese dal fronte macro almeno per ora, in attesa di altri aggiornamenti a breve. In serata i conti di Apple.

Wall Street risale dopo il calo di ieri. Focus su Pfizer e P&G

Mercati con un occhio agli Usa: cosa monitorare questa settimana

I mercati devono fare i conti con diverse incognite: dalla guerra dei dazi al drenaggio delle politiche finanziarie delle banche centrali passando ancora per la Brexit, senza dimenticare i dati macro Usa.

Mercati con un occhio agli Usa: cosa monitorare questa settimana

View rialzista su FCA. Previsto rialzo a fine anno

Dopo la debacle di inizio settimana il titolo Fca si presenta alla prova dei conti. Ottimismo sui numeri ma anche sulle prospettive future, come conferma anche Vincenzo Longo Market Strategist di IG.

View rialzista su FCA. Previsto rialzo a fine anno

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Le borse del Vecchio Continente continuano rafforzarsi. Guardando a Piazza Affari si registra un vantaggio dello 0,94% (21.807 punti) poco prima delle 16.30.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Rimbalza FCA ma a preoccupare sono i T-bond Usa

Torna l’ottimismo mercati europei che in mattinata hanno segnato tutti un andamento positivo. Alle 11.20 infatti Piazza Affari vantava un saldo parziale pari a 1,12%, ovvero 21.849 punti.

Rimbalza FCA ma a preoccupare sono i T-bond Usa

Mercati: Powell sarà il prossimo ago della bilancia?

Dopo le parole rassicuranti di Powell i mercati tendono al rialzo. Ma non Piazza Affari.

Mercati: Powell sarà il prossimo ago della bilancia?

A Wall Street gli investitori restano fermi in attesa di Powell

Il mercato mostra un andamento leggermente calante in attesa dei dati macro e dell'audizione del presidente della Fed. Sotto la lente J&J e Goldman Sachs.

A Wall Street gli investitori restano fermi in attesa di Powell

Mobius: guerra commerciale è la miccia della recessione mondiale

I mercati stanno tentando di riprendersi dopo il crollo di ieri dettato dall'ennesimo acuirsi delle tensioni commerciali tra Usa e Cina e dall'ultima proposta dell'amministrazione Trump di creare altri dazi per ulteriori 200 miliardi di merci cinesi.

Mobius: guerra commerciale è la miccia della recessione mondiale
apk