S&P 500

RSS

S&P 500, il paniere azionario statunitense ad alta capitalizzazione

L’indice S&P 500, forma contratta di Standard & Poor’s 500, è un paniere azionario statunitense, che include al suo interno le 500 maggiori società per capitalizzazione attive sulla piazza (e quotate sui listini del New York Stock Exchange - NYSE, dell’American Stock Echange - Amex e del NASDAQ). Grazie al metodo di calcolo ponderato (per capitalizzazione di mercato) e all’inclusione ciclica di nuovi settori ed attività, l’indice è stato definito dal National Bureau of Economic Research come il migliore indicatore dell’economia statunitense nel suo insieme.

Le origini dello S&P 500

L’idea dell’S&P 500 nasce nel 1923, ma solo il 4 marzo del 1957 l’indice diviene operativo. Nel settembre del 1962 Standard & Poor’s stringe accordi con Ultronic Systems Corp.; da allora iniziano ad essere calcolati l’indice S&P 500 Stock Composite, il 425 Stock Industrial Index, the 50 Stock Utility Index e il 25 Stock Rail Index.
Nell’agosto dell’82, lo S&P 500 giunge a toccare quota 102,42; arriverò poi ad un massimo relativo nel marzo del 2000, raggiungendo quota 1552,87, nel periodo della bolla del dot.com. Quest’ultima porterà l’indice a perdere circa il 50% nell’ottobre del 2002 (a 768,63 dollari).

Sempre nel 1982 venne introdotto il future sull’S&P 500, contrattato sul CME (Chicago Mercantile Exchange), strumento utilizzato per lo più dai gestori di fondi per replicare l’andamento del benchmark e per coprirsi dai rischi del mercato USA.

La crisi 2007-2008 e i massimi di periodo

Il paniere delle migliori 500 società maggiormente capitalizzate del mercato USA ha risentito delle dinamiche degli anni 2007-2008, in cui lo scoppio della crisi dei mutui sub prime ed il fallimento di Lehman Brothers hanno abbattute ogni tipologia di asset e quotazione sul mercato.
Dal marzo 2009 (con l’inizio del primo Quantitative Easing) e l’uscita dal periodo di recessione per gli Stati Uniti, l’S&P 500 è passato dal quotare 683 dollari, ai 1818 del dicembre 2013, in rialzo del 166%.
Il 23 maggio l’indice chiude per la prima volta al di sopra dei 1900 dollari.

Composizione e performance recenti

Nell’elenco dei 500 maggiori titoli per capitalizzazione inclusi nell’S&P 500 (la cui composizione varia periodicamente, rispecchiando l’andamento di mercato), sono da notare i più recenti ingressi di alcuni colossi della piazza finanziaria. Tra questi, BlackRock (aprile 2011), Chipotle (aprile 2011), Tripadvisor (dicembre 2011), Fossil Inc. (aprile 2012), Garmin (dicembre 2012), General Motors (giugno 2013), Delta Airlines (settembre 2013), Facebook (dicembre 2013), Google (aprile 2014).

Sugli ultimi 20 anni, il total return dell’indice ha registrato i risultati peggiori nel 2001 (-11,89%), nel 2002 (-22,10%) e nel 2008 (-37%).
Le migliori performance sono state invece quelle del 1995 (+37,58%), del 1997 (+33,36%), del 1998 (+28,58%), del 2003 (+28,68%), del 2009 (+26,46%) e del 2013, quando l’indice ha totalizzato un rialzo del 32,39%.

Tra i migliori ETFs a disposizione sul mercato vi sono: iShares Core S&P 500 (IVV), SPDR S&P 500 (SPY) e Vanguard S&P 500 (VOO).

Per maggiori informazioni: S&P 500



Wall Street: sciabolata rialzista, si rivede la bella stagione

Dow Jones, Johnson & Johnson supera la prova dei conti. Nyse, vendite su BlackRock dopo trimestrale a due velocità. Nasdaq, titoli FANG in denaro. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street: sciabolata rialzista, si rivede la bella stagione







Forex: analisi tecnica della giornata

Scenario alternativo: Sopra 1,1570 ci aspettiamo un ulteriore rialzo con 1,1590 e 1,1610 di target.

Forex: analisi tecnica della giornata

Piazza Affari al ballo con WallStreet: orsi, tori tutti in pista

Ribassi? Forse! Rialzi? Speriamo! Ma, prima di tutto, sarà con ogni probabilità il saliscendi, anche repentino ed improvviso, a governare questa nuova ottava a Piazza Affari ed a Wall Street. Vediamo allora come e perché.

Piazza Affari al ballo con WallStreet: orsi, tori tutti in pista

S&P 500: sul filo della media mobile a 200 giorni

Lo S&P 500  ha chiuso la seduta a 2.767 punti, registrando un +1,42%. Il bilancio settimanale è pari ad un -4,10%.

S&P 500: sul filo della media mobile a 200 giorni

Wall Street sbaraglia il campo, al weekend con un grosso dubbio

Dow Jones, JPMorgan Chase in rosso dopo la trimestrale. Nyse, azioni Citigroup in denaro. Vendite sui titoli della The PNC Financial Services. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street sbaraglia il campo, al weekend con un grosso dubbio

Wall Street: Dow Jones dentro o fuori? 4 bei nomi per dire BUY

Dow Jones 10-11 ottobre, in fumo 1.378 punti indice. I record negativi per Nasdaq ed S&P 500. Le cause del crollo e lo stato di salute dell'economia USA, ed infine 4 nomi per dire BUY (Blue Chips Dow Jones).

Wall Street: Dow Jones dentro o fuori? 4 bei nomi per dire BUY

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni lunghe sopra 1,1575 con target a 1,1625 e 1,1650 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

Piazza Affari, trincea FTSE MIB: ecco sfilza variabili impazzite

Quadro tecnico deteriorato, crollo Wall Street, manovra economica con numeri ballerini, spread, agenzie di rating. Dura la vita a Piazza Affari! Ecco tutti i rischi (elevati) con queste variabili impazzite.

Piazza Affari, trincea FTSE MIB: ecco sfilza variabili impazzite

Wall Street sbranata da lupi famelici: gioco ora duro, pesante

Dow Jones, Blue Chips tutte in rosso. Nyse, Delta Air Lines ben comprata dopo la trimestrale. Azioni Newmont Mining Corporation in grande spolvero. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street sbranata da lupi famelici: gioco ora duro, pesante

Wall Street incubo 24 ore: incidente di percorso o festa finita?

Rischio bear market sulla piazza azionaria USA, tra volatilità e ribassi consistenti. Vediamo cosa ci dice il mercato nel presente e nel passato partendo da una buona notizia!

Wall Street incubo 24 ore: incidente di percorso o festa finita?

Banca Mondiale: la situazione è preoccupante

Mercati in piena fibrillazione: alle 13.20 Piazza Affari era in passivo dell'1,1% (19.500 punti), confermando una mattinata che si era aperta direttamente in territorio negativo.

Banca Mondiale: la situazione è preoccupante

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni lunghe sopra 1,1530 con target a 1,1580 e 1,1600 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata
apk