S&P 500

RSS

S&P 500, il paniere azionario statunitense ad alta capitalizzazione

L’indice S&P 500, forma contratta di Standard & Poor’s 500, è un paniere azionario statunitense, che include al suo interno le 500 maggiori società per capitalizzazione attive sulla piazza (e quotate sui listini del New York Stock Exchange - NYSE, dell’American Stock Echange - Amex e del NASDAQ). Grazie al metodo di calcolo ponderato (per capitalizzazione di mercato) e all’inclusione ciclica di nuovi settori ed attività, l’indice è stato definito dal National Bureau of Economic Research come il migliore indicatore dell’economia statunitense nel suo insieme.

Le origini dello S&P 500

L’idea dell’S&P 500 nasce nel 1923, ma solo il 4 marzo del 1957 l’indice diviene operativo. Nel settembre del 1962 Standard & Poor’s stringe accordi con Ultronic Systems Corp.; da allora iniziano ad essere calcolati l’indice S&P 500 Stock Composite, il 425 Stock Industrial Index, the 50 Stock Utility Index e il 25 Stock Rail Index.
Nell’agosto dell’82, lo S&P 500 giunge a toccare quota 102,42; arriverò poi ad un massimo relativo nel marzo del 2000, raggiungendo quota 1552,87, nel periodo della bolla del dot.com. Quest’ultima porterà l’indice a perdere circa il 50% nell’ottobre del 2002 (a 768,63 dollari).

Sempre nel 1982 venne introdotto il future sull’S&P 500, contrattato sul CME (Chicago Mercantile Exchange), strumento utilizzato per lo più dai gestori di fondi per replicare l’andamento del benchmark e per coprirsi dai rischi del mercato USA.

La crisi 2007-2008 e i massimi di periodo

Il paniere delle migliori 500 società maggiormente capitalizzate del mercato USA ha risentito delle dinamiche degli anni 2007-2008, in cui lo scoppio della crisi dei mutui sub prime ed il fallimento di Lehman Brothers hanno abbattute ogni tipologia di asset e quotazione sul mercato.
Dal marzo 2009 (con l’inizio del primo Quantitative Easing) e l’uscita dal periodo di recessione per gli Stati Uniti, l’S&P 500 è passato dal quotare 683 dollari, ai 1818 del dicembre 2013, in rialzo del 166%.
Il 23 maggio l’indice chiude per la prima volta al di sopra dei 1900 dollari.

Composizione e performance recenti

Nell’elenco dei 500 maggiori titoli per capitalizzazione inclusi nell’S&P 500 (la cui composizione varia periodicamente, rispecchiando l’andamento di mercato), sono da notare i più recenti ingressi di alcuni colossi della piazza finanziaria. Tra questi, BlackRock (aprile 2011), Chipotle (aprile 2011), Tripadvisor (dicembre 2011), Fossil Inc. (aprile 2012), Garmin (dicembre 2012), General Motors (giugno 2013), Delta Airlines (settembre 2013), Facebook (dicembre 2013), Google (aprile 2014).

Sugli ultimi 20 anni, il total return dell’indice ha registrato i risultati peggiori nel 2001 (-11,89%), nel 2002 (-22,10%) e nel 2008 (-37%).
Le migliori performance sono state invece quelle del 1995 (+37,58%), del 1997 (+33,36%), del 1998 (+28,58%), del 2003 (+28,68%), del 2009 (+26,46%) e del 2013, quando l’indice ha totalizzato un rialzo del 32,39%.

Tra i migliori ETFs a disposizione sul mercato vi sono: iShares Core S&P 500 (IVV), SPDR S&P 500 (SPY) e Vanguard S&P 500 (VOO).

Per maggiori informazioni: S&P 500


Wall Street come uno yo-yo, balla sugli utili societari

Dow Jones, Visa chiude in bellezza l'anno fiscale 2017. The Boeing Company a passo di gambero tra le large caps. Nyse, AT&T Inc. in lettera dopo la trimestrale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street come uno yo-yo, balla sugli utili societari

Wall Street alla pronta rivincita, valanga di buone notizie

Dow Jones, azioni 3M Company sugli scudi. Caterpillar, utili in forte crescita nel terzo trimestre 2017. Nyse, AT&T Inc. alla resa dei conti. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street alla pronta rivincita, valanga di buone notizie

Basso rischio bolla per l'equity: il Ftse Mib farà ancora bene?

Piazza Affari è giunta su uno spartiacque decisivo e per quanto l'onere della prova spetti ai ribassisti, il nostro mercato non sarà più il primo della classe ora. La view di Gaetano Evangelista.

Basso rischio bolla per l'equity: il Ftse Mib farà ancora bene?

Wall Street torna in trincea, decisive le prossime trimestrali

Dow Jones, General Electric affossata dal downgrade di UBS. Nyse, shopping su V.F. Corporation. Nasdaq, azioni Seagate Tech in rally. I titoli ed i temi caldi sulle piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali di martedì 24 ottobre 2017.

Wall Street torna in trincea, decisive le prossime trimestrali

Wall Street tira sempre dritto, rally con motori avanti tutta

Dow Jones, trimestrale General Electric Company a due velocità. Denaro sui big del settore bancario. Nasdaq, Celgene crolla sullo stop allo sviluppo del mongersen. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street tira sempre dritto, rally con motori avanti tutta

Wall Street si concede un cambio gomme, pronta per nuovi sprint?

Dow Jones, CEO American Express Company lascia dopo 16 anni. Verizon Communications, ricavi Q3 2017 superiori alle attese. Nasdaq: Gilead Sciences, via libera FDA a terapia genica anti cancro. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street si concede un cambio gomme, pronta per nuovi sprint?

Wall Street non promette niente di buono. E domani riunione Opec

Dopo aver inanellato record su record adesso Wall Street, nel trentesimo anniversario del Black Monday, invia nel premercato, segnali negativi. E domani, intanto, la parola passa all'Opec

Wall Street non promette niente di buono. E domani riunione Opec

Bolla speculativa o l'azionario USA è ancora in crescita?

In retrospettiva, il “decennio perduto” del Giappone sconvolse gran parte del mondo occidentale, dove la crescita della popolazione è rallentata.

Bolla speculativa o l'azionario USA è ancora in crescita?

Usa: Mnuchin lancia l'allarme "fiscale" sul rally di Wall Street

Per il segretario al Tesoro USA, i mercati azionari sono a rischio di caduta senza la riforma fiscale voluta dall'amministrazione Trump.

Usa: Mnuchin lancia l'allarme "fiscale" sul rally di Wall Street

30 anni fa il peggior crac della storia. E oggi come stiamo?

Il 19 ottobre del 1987, esattamente 30 anni fa, era un lunedì come un'altro. Almeno in apparenza. Ma oggi qual è la situazione sui mercati Usa?

30 anni fa il peggior crac della storia. E oggi come stiamo?

Wall Street alza i calici, tutti in pista con le trimestrali

Dow Jones, acquisti su Goldman Sachs. IBM in rally tra le large caps. Nyse, The Progressive Corporation in lettera dopo la trimestrale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street alza i calici, tutti in pista con le trimestrali

Black Thursday: la maledizione del 19 ottobre 87 colpirà ancora?

30 anni fa il giorno che sconvolse i mercati. Oggi quegli stessi mercati stanno vivendo in una dimensione tutta particolare. Le previsioni di Sante Pellegrino, trader indipendente.

Black Thursday: la maledizione del 19 ottobre 87 colpirà ancora?

Wall Street supera se stessa, oro olimpico per le Blue Chips

Dow Jones, bene Johnson & Johnson dopo i conti. Azioni UnitedHealth Group Incorporated in grande spolvero. Nasdaq, Netflix in lettera dopo la trimestrale.

Wall Street supera se stessa, oro olimpico per le Blue Chips
apk