S&P 500

S&P 500, il paniere azionario statunitense ad alta capitalizzazione

L’indice S&P 500, forma contratta di Standard & Poor’s 500, è un paniere azionario statunitense, che include al suo interno le 500 maggiori società per capitalizzazione attive sulla piazza (e quotate sui listini del New York Stock Exchange - NYSE, dell’American Stock Echange - Amex e del NASDAQ). Grazie al metodo di calcolo ponderato (per capitalizzazione di mercato) e all’inclusione ciclica di nuovi settori ed attività, l’indice è stato definito dal National Bureau of Economic Research come il migliore indicatore dell’economia statunitense nel suo insieme.

Le origini dello S&P 500

L’idea dell’S&P 500 nasce nel 1923, ma solo il 4 marzo del 1957 l’indice diviene operativo. Nel settembre del 1962 Standard & Poor’s stringe accordi con Ultronic Systems Corp.; da allora iniziano ad essere calcolati l’indice S&P 500 Stock Composite, il 425 Stock Industrial Index, the 50 Stock Utility Index e il 25 Stock Rail Index.
Nell’agosto dell’82, lo S&P 500 giunge a toccare quota 102,42; arriverò poi ad un massimo relativo nel marzo del 2000, raggiungendo quota 1552,87, nel periodo della bolla del dot.com. Quest’ultima porterà l’indice a perdere circa il 50% nell’ottobre del 2002 (a 768,63 dollari).

Sempre nel 1982 venne introdotto il future sull’S&P 500, contrattato sul CME (Chicago Mercantile Exchange), strumento utilizzato per lo più dai gestori di fondi per replicare l’andamento del benchmark e per coprirsi dai rischi del mercato USA.

La crisi 2007-2008 e i massimi di periodo

Il paniere delle migliori 500 società maggiormente capitalizzate del mercato USA ha risentito delle dinamiche degli anni 2007-2008, in cui lo scoppio della crisi dei mutui sub prime ed il fallimento di Lehman Brothers hanno abbattute ogni tipologia di asset e quotazione sul mercato.
Dal marzo 2009 (con l’inizio del primo Quantitative Easing) e l’uscita dal periodo di recessione per gli Stati Uniti, l’S&P 500 è passato dal quotare 683 dollari, ai 1818 del dicembre 2013, in rialzo del 166%.
Il 23 maggio l’indice chiude per la prima volta al di sopra dei 1900 dollari.

Composizione e performance recenti

Nell’elenco dei 500 maggiori titoli per capitalizzazione inclusi nell’S&P 500 (la cui composizione varia periodicamente, rispecchiando l’andamento di mercato), sono da notare i più recenti ingressi di alcuni colossi della piazza finanziaria. Tra questi, BlackRock (aprile 2011), Chipotle (aprile 2011), Tripadvisor (dicembre 2011), Fossil Inc. (aprile 2012), Garmin (dicembre 2012), General Motors (giugno 2013), Delta Airlines (settembre 2013), Facebook (dicembre 2013), Google (aprile 2014).

Sugli ultimi 20 anni, il total return dell’indice ha registrato i risultati peggiori nel 2001 (-11,89%), nel 2002 (-22,10%) e nel 2008 (-37%).
Le migliori performance sono state invece quelle del 1995 (+37,58%), del 1997 (+33,36%), del 1998 (+28,58%), del 2003 (+28,68%), del 2009 (+26,46%) e del 2013, quando l’indice ha totalizzato un rialzo del 32,39%.

Tra i migliori ETFs a disposizione sul mercato vi sono: iShares Core S&P 500 (IVV), SPDR S&P 500 (SPY) e Vanguard S&P 500 (VOO).

Per maggiori informazioni: S&P 500



Wall Street in rosso: rischi al ribasso in aumento. I titoli hot

Wall Street è in una fase delicata, con i tre indici principali che potrebbero tornare a testare importanti supporti. L'analisi di Alessandro Cocco.

Wall Street in rosso: rischi al ribasso in aumento. I titoli hot

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni corte sotto 1,0960 con target a 1,0910 e 1,0895 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni corte sotto 1,1010 con target a 1,0980 e 1,0960 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

S&P 500 future: livelli chiave per la settimana

Sospiro di sollievo meritato per i compratori attivi sul future S&P 500 che vedono ripristinata la resistenza fondamentale a 2945 punti, salvando almeno per il momento la struttura rialzista di medio termine.

S&P 500 future: livelli chiave per la settimana

Wall Street settembre 2019, i mercati entrano nel mese peggiore

Mercati azionari USA a settembre, entriamo nel mese storicamente peggiore dell'anno. Wall Street, rischio forte e rapido declino sotto i 2.800 punti S&P 500. Corsi e ricorsi storici sulla piazza a stelle e strisce a partire dalla fine della seconda guerra mondiale.

Wall Street settembre 2019, i mercati entrano nel mese peggiore

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni corte sotto 1,1070 con target a 1,1025 e 1,1010 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

Wall Street show: rafforza lo shopping, Dollar General top rally

Wall Street: Nyse, acquisti a go-go su Dollar General. Azioni Best Buy in forte calo sul Big Board. Nasdaq Composite, acquisti sui titoli FAANG. Le azioni ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street che archivia l'odierna sessione di contrattazioni in forte rialzo.

Wall Street show: rafforza lo shopping, Dollar General top rally

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni corte sotto 1,1095 con target a 1,1070 e 1,1050 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

Wall Street: 7 Titoli che potrebbero salire del 50%, pure di più

Analisti di Wall Street, l'investitore saggio farebbe bene ad ascoltarli. Esperti super-rialzisti o super-ribassisti, è come se urlassero Compra o Vendi. Ecco allora 7 Titoli Wall Street con upside potenziale minimo del 50%, da AMC Entertainment a Skechers.

Wall Street: 7 Titoli che potrebbero salire del 50%, pure di più

Wall Street smuove le acque, buona la colazione da Tiffany

Dow Jones, Johnson & Johnson in controtendenza. Nyse, Tiffany & Co. in denaro dopo trimestrale a due facce. Nasdaq, Autodesk cade sulla guidance 2020. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, che archivia oggi gli scambi con i listini tutti in luce verde dopo le vendite della vigilia.

Wall Street smuove le acque, buona la colazione da Tiffany

Forex: analisi tecnica della giornata

La nostra valutazione: Posizioni corte sotto 1,1105 con target a 1,1075 e 1,1060 in estensione.

Forex: analisi tecnica della giornata

Ftse Mib: sarà un settembre euforico? I titoli con più appeal

Il Ftse Mib si trova in un nuovo ciclo che dovrebbe portare a segnare dei massimi molto ambiziosi. La view di Sante Pellegrino.

Ftse Mib: sarà un settembre euforico? I titoli con più appeal

Wall Street: panico Autodesk, guerra dazi picchia sul software

Autodesk crolla, non basta la buona trimestrale. Ma il Q2 di ADSK è comunque oltre le attese. Il commento della società sull'outlook 2020, tutto improntato sulla prudenza.

Wall Street: panico Autodesk, guerra dazi picchia sul software

Wall Street torna a più miti consigli, flirt PhilipMorris-Altria

Dow Jones, Johnson & Johnson in verde. Nyse, Philip Morris e Altria Group trattano la fusione. Azioni The J. M. Smucker Company in forte calo. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street che, dopo i guadagni della vigilia, oggi ha prestato il fianco alle vendite.

Wall Street torna a più miti consigli, flirt PhilipMorris-Altria

Wall Street in balia dei dazi e non solo: attese e titoli chiave

A Wall Street i tre indici principali sono in congestione e la cautela è d'obbligo visto che ci sono diversi punti interrogativi. L'analisi e le strategie di Alessandro Cocco.

Wall Street in balia dei dazi e non solo: attese e titoli chiave

Ftse Mib: ecco quando avremo un forte allungo. I titoli in e out

La situazione di breve delle Borse non è tra le migliori: per il Ftse Mib sarà cruciale la tenuta dei recenti minimi, ma nuovi rialzi saranno possibili solo oltre una certa soglia. La view di Gabriele Cortigiani.

Ftse Mib: ecco quando avremo un forte allungo. I titoli in e out
apk