Alphabet

RSS

Google, primo motore di ricerca internazionale

Google Search, notoriamente abbreviato in Google, è il motore di ricerca in internet più diffuso e conosciuto al mondo, che, grazie alla propria rete formata da oltre 100.000 personal computer, è in grado di trovare e gestire il maggiore bagaglio di informazioni internazionali. Il motore di ricerca è disponibile in 116 lingue diverse; tra queste va citata quella latina, presente in 68 paesi del mondo.

Tra i principali servizi più utilizzati dagli utenti di google vi sono: Google News (attraverso questa pagina l'utente può trovare le notizie a livello mondiale), Movies (servizio attraverso il quale si ricerca i film dati dai cinema in tutte le città), Google Ricerca Blog (motore di ricerca finalizzato ai blog), Google Translate (servizio di traduzione automatica delle pagine web straniere).

Piccole curiosità

Nel 2006 il termine "to google" entra ufficialmente a far parte dell'Oxford English Dictionary, neologismo che è stato introdotto in Italia dal 2009 "googlare" con il significato di cercare qualcosa nel web.

I Google Doodle, sono delle versioni personalizzate del logo di Google, che vengono usate per celebrare festività e giornate speciali (ad esempio il Natale), o per festeggiare eventi ed anniversari. Il primo Doodle fu disegnato nel 1998 dagli stessi fondatori, per avvisare gli utenti della loro assenza e da li a poco la personalizzazione del logo è diventata una piacevole consuetudine.

Le origini di Google

Le origini della società risalgono al 1996, nell'era di internet, quando due studenti di informatica, Larry Page e Sergey Bin, presso l'università di Stanford, crearono un motore di ricerca denominato BackRub, il quale venne utilizzato sul server universitario per circa un anno (alla fine si dimostrò poco adatto, in quanto occupava troppa banda).

Da BackRub a Google

Sergei Brin (nato a Mosca nel 1973) e Larry Page (nato a East Lansing nel 1973) nel frattempo cambiarono nome al motore di ricerca, trasformandolo da BackRub in Google (da googol: termine matematico, che venne ideato nel 1940 dal teorico inglese Edward Kasner, per indicare un numero grande ma finito, con una serie di cento zeri).

In quegli anni esistevano già i primi motori di ricerca, come quello svizzero, denominato Aliweb (1990), ed i motori di ricerca americani Excite ed Altavista (1993). Larry Page e Sergey Bin sviluppano il loro motore di ricerca differenziandosi dagli altri introducendo un criterio diverso, quello della "page rank", che si fonda sulla creazione di un algoritmo con la capacità di identificare le pagine più linkate, stando al passo con la tecnologia web.

Gli inizi di Google

Nel 1998 viene costituita la società, con sede sociale a Menlo Park, nel garage dell'amica Susan Wojcicki e con l'assunzione di un dipendente. Gli inizi non furono dei più facili, anche perché i due studenti cercarono più volte di vendere la loro "idea" senza ottenere grandi risultati. Grazie anche all'apporto finanziario della somma di 100.000 dollari dell'imprenditore Andy Bechtolsheim, fondatore di Sun Microsystems, la società riuscì però a svilupparsi, decollando.

Lo sviluppo tecnologico

Nel 1999 Google cambiò la propria sede, trasferendosi a Mountain View (California). I due studenti imprenditori continuarono a sviluppare il loro motore di ricerca, crearono una web directory e l'utilizzo del motore in varie lingue. Nell'arco degli anni successivi vennero creati Google Immage, Google Local, Googlemail, meglio conosciuta come Gmail (servizio gratuito di caselle di posta elettronica).

L'approdo di Google in Borsa

Nel 2004 la società, ormai attestata e radicata a livello globale, con un giro d'affari di circa 2,5 miliardi di dollari, decide di sbarcare in Borsa. L'operazione è stata condotta da Credit Suisse First Boston e da Morgan Stanley. Il 19 agosto 2004, giorno di collocamento, Google immette sul mercato circa 19 milioni di azioni al prezzo di 85 dollari per azione.
Nell'arco di qualche mese il titolo verrà scambiato a circa 170 dollari per azione, riportando un grande successo.

Le principali espansioni ed acquisizioni

Nel 2005 Google ha acquisito il sistema operativo Android ed in seguito, nel 2007, ha presentato Street View (sistema che ha fotografato gli indirizzi e le vie nel mondo). Nel 2006 ha acquisito il sito YouTube (pagato 1,65 miliardi di dollari), che è diventato nell'arco degli anni il terzo portale più visitato al mondo. Nel 2006 il colosso americano ha lanciato sul mercato il browser Google Crome e nel 2010 ha acquisito la compagnia americana Nexus.

Nel 2012 la società conclude l'acquisizione della divisione telefonica Motorola Mobility Holdings per 12,5 miliardi di dollari.

I principali dati economico finanziari di Google

Il colosso tecnologico ha sede principale negli stati Uniti, in California a Mountain View, e conta circa 70 uffici in diverse parti del mondo, mentre la forza lavoro è composta da circa 53.861 dipendenti nelle varie località.

Google Inc. è quotata alla Borsa di New York, sul mercato Nasdaq, con il simbolo GOOG ed ha chiuso l'esercizio fiscale relativo al 2013 con un fatturato pari a 59,825 miliardi, in crescita rispetto ai 50,18 miliardi di dollari del 2012 e ai 37,90 miliardi del precedente 2011.

Per maggiori informazioni: GOOGLE



Criptovaluta Ripple a $ 1 prima che il 2018 finisca, con xRapid?

Il lancio di xRapid non ha riportato su Ripple i tori nell'arena. Eppure non mancano coloro che sono pronti a scommettere sull'aggancio di quota 1 $ per XRP. Vediamo allora cosa ne pensano gli esperti.

Criptovaluta Ripple a $ 1 prima che il 2018 finisca, con xRapid?

Come prepararsi a un (eventuale) mercato ribassista

La Federal Reserve ha confermato il rialzo dei tassi proprio mentre i dazi commerciali rischiano di frenare i consumi e gli scambi a livello internazionale. In europa c'è l'incognita Brexit e quella Italia. Insomma, di punti interrogativi ce ne sono molti.

Come prepararsi a un (eventuale) mercato ribassista

Wall Street azioni FANG addio, è ora di puntare sui Titoli STARS

Titoli Internet, basta coi FANG. Andiamo a caccia, sempre nel settore Internet, di nuovo acronimo ad alta crescita composto da un pokerissimo di azioni. Ecco quali ...

Wall Street azioni FANG addio, è ora di puntare sui Titoli STARS

Square fa impazzire Wall Street. Analisti: è nata una nuova FANG

Square vola a Wall Street in reazione alla nota di un analista che ne prospetta un prossimo ingresso nell'olimpo dei grandi colossi tecnologici.

Square fa impazzire Wall Street. Analisti: è nata una nuova FANG

Wall Street: dividendi e crescita, 6 Tecnologici solidi e belli

Dimentichiamoci di Facebook (FB), Amazon.com (AMZN), Netflix (NFLX) ed Alphabet (GOOG). I titoli tecnologici che pagano la cedola sono altri! Ecco quali sono i Big del settore tra corsi e ricorsi storici.

Wall Street: dividendi e crescita, 6 Tecnologici solidi e belli

Da lunedì nuovi settori nell'S&P500: i titoli coinvolti

Cambio nell'organizzazione del più grande listino di Wall Street: da lunedì prossimo i titoli tecnologici troveranno una nuova casa.

Da lunedì nuovi settori nell'S&P500: i titoli coinvolti

Wall Street sposta gli equilibri, azioni FAANG sempre attraenti

Dow Jones, Nike e Boeing in evidenza. Azioni FAANG sul rimbalzo. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street dopo il calo della vigilia e dopo la nuova sventagliata di dazi targata Donald Trump.

Wall Street sposta gli equilibri, azioni FAANG sempre attraenti

Wall Street impaurita da Trump, sgancia nuova bomba sui dazi

Dow Jones, titoli settore industriale in controtendenza. Nasdaq, vendite su Apple. Lettera anche sugli altri titoli FAANG. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali del 17 settembre del 2018 a mercati chiusi.

Wall Street impaurita da Trump, sgancia nuova bomba sui dazi

Wall Street: Nasdaq in gabbia, rally massiccio se si tira fuori

Rialzo Nasdaq fa da traino a Dow Jones e S&P 500 con i titoli FAANG ago della bilancia. Quale sarà il destino dell'indice azionario tecnologico a stelle e strisce?

Wall Street: Nasdaq in gabbia, rally massiccio se si tira fuori

3 titoli dal grande futuro

Il settore tecnologico è sempre più al centro delle preferenze degli investitori non solo perché il futuro è nella tecnologia ma anche perché all'interno del panorama tecnologico esistono varie aree.

3 titoli dal grande futuro

Wall Street, investire digitale con 15 nomi da shopping secolare

Investimenti pubblicitari nel digitale, in crescita ed attesi al 55% del totale nel 2022. Ecco allora 15 potenziali cavalli vincenti per i prossimi anni considerando che i fondamentali restano molto buoni.

Wall Street, investire digitale con 15 nomi da shopping secolare

Wall Street con ottimismo, Apple fa scattare conto alla rovescia

Nasdaq, conto alla rovescia Apple per i nuovi iPhone. Luce verde anche per gli altri titoli FAANG. Azioni Sonos vendute a tutto spiano. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street con ottimismo, Apple fa scattare conto alla rovescia

Wall Street in fotocopia: hi-tech ci prende gusto, imbarca acqua

Dow Jones, Chevron in netto calo. Nasdaq, vendite sui Big del settore Internet. Azioni Micron Technology, tiro al bersaglio dei venditori. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street in fotocopia: hi-tech ci prende gusto, imbarca acqua

Wall Street infilzata dai tecnologici, DowJones coi muri a secco

Dow Jones, Caterpillar in evidenza. Nasdaq, titoli FAANG sulla debolezza. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, e le trimestrali del 5 e 6 settembre 2018.

Wall Street infilzata dai tecnologici, DowJones coi muri a secco

Wall Street, titoli che sono rimasti indietro: lascia, raddoppia

Dai titoli di società cinesi alle aziende che forniscono equipaggiamenti per l'industria dei semiconduttori, e passando per i Real Estate Investment Trust. Ecco dove a Wall Street potrebbe esserci tanto valore ancora ben nascosto.

Wall Street, titoli che sono rimasti indietro: lascia, raddoppia

Wall Street ai massimi?

Ecco cosa insegna la storia Il comportamento dei listini americani ricalca quello di 20 anni fa: anche allora gli indici erano stati spinti dai forti rialzi di pochi titoli, ma la correzione che ne era seguita aveva livellato le valutazioni. Meglio, dicono da MIM, evitare i titoli troppo popolari.

Wall Street ai massimi?
apk