Intel

RSS

Intel Corporation, industria americana di semiconduttori

Intel attualmente produce microprocessori, componenti di rete, chipset per motherboard (scheda madre), chip per schede video e molti altri circuiti.


Grafico interattivo NYSE:INTC offerto da TradingView

Intel Corporation, industria americana di semiconduttori

Intel Corporation è una multinazionale americana, attiva nel segmento dei semiconduttori ed è annoverata come il maggior produttore a livello mondiale di chip. L'azienda si occupa della produzione di dispositivi di memoria, microprocessori e di tutta una serie di circuiti specifici per il segmento networking, communication e personal computing.

Le origini ed i suoi pionieri

Le origini della società ci riportano nella California del 1968, quando venne costituita la NM Electronics, con lo scopo di produrre semiconduttori. I suoi pionieri furono il fisico Robert Norton Noyce (Burlington, 1927 – Austin, 1990) e l'informatico Gordon Moore (San Francisco, 1929), insieme agli investitori Arthur Roccia e Max Palevsky. Robert Norton Noyce fu uno degli inventori del circuito integrato, mentre il suo socio Robert Norton Noyce è l'autore della legge di Moore, riguardante l'evoluzione temporale della potenza del computer.

Gli inizi

L'anno successivo, l'azienda cambia nome trasformandosi in Integrated Electronics Corporation, che successivamente viene abbreviata in Intel Corporation. Inizialmente l'azienda si occupa principalmente della produzione di componenti per memorie (DRAM, SRAM e ROM), riscontrando grandi successi. In seguito amplia il proprio core business, concentrandosi nella produzione di microprocessori. Nel 1971 venne prodotto e commercializzato il primo microprocessore monolitico 4004 Intel, che segnò un grande successo e nell'arco di breve tempo la compagnia divenne leader del settore.

Lo sbarco in Borsa

Nel 1971 la società decise di collocarsi sul mercato telematico di New York, il titolo azionario venne collocato al prezzo di 23,50 dollari per azione.

Lo sviluppo e le acquisizioni

Nel 1982 la Intel diventa fornitore di IBM del microprocessore 8086 che verrà applicato ai PC IBM. In seguito verranno prodotti i nuovi processori Pentium (dedicati al settore server), il sistema Ethernet relativo alla comunicazione dei computer ed altro.

Nell'arco degli anni la società ha continuato ad espandersi ed ampliare il proprio core business con l'apertura di nuove filiali a livello internazionale ed attraverso il processo di acquisizioni, come la società americana, attiva nel settore della sicurezza informatica, McAfee (2010), la divisione wireless della società tedesca Infineon Technologies, la società specializzata nelle tecnologie firewall Stonesoft, l'azienda americana Sensory Networks (2013) ed altre.

I principali dati economico finanziari

Intel Corporation ha la propria sede principale in California (Silicon Valley) a Santa Clara. L'azienda è presente a livello internazionale con strutture ed uffici che spaziano dalla Costa Rica, Irlanda, Russia, Israele, Cina, India, Vietnam, Irlanda all'Italia, dove è attiva dal 1978. La forza lavoro è composta da circa 104.700 dipendenti, dislocati nelle varie località.

Intel Corporation è quotata alla Borsa valori di New York ed i titoli azionari vengono scambiati sul mercato del Nasdaq, con il simbolo INTC.

Il colosso statunitense dell'informatica che è guidato dal manager Brian M. Krzanich ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2012, con ricavi per 53,3 miliardi di dollari, registrando una flessione del 1,2%, rispetto all'anno precedente conclusosi con un fatturato di 54 miliardi di dollari.

Il manager Brian M. Krzanich, classe 1960 fa parte del team Intel dal 1982. Nel maggio del 2013, è stato eletto amministratore delegato, sostituendo così l'uscente CEO, il manager Paul Otellini (dimissioni annunciate nel novembre del 2012).

Per maggiori informazioni: INTEL

Nome società INTEL
Paese USA
Mercato DOW JONES
Settore TECNOLOGIA
Codice Alfa INTC
Codice Isin US4581401001
Codice Reuters INTC.O
Sito web società Link
Telefono 408-765-8080
Fax
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società 2200 Mission College Boulevard Santa Clara, CA 95054 United States
Società revisione
Azioni in circolazione 2.147.483.647
Capitale Sociale n.d.
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale
Data di collocamento 05/12/1971
Prezzo di collocamento € 23.50
Ultimo dividendo n.d.
Tipo dividendo n.d.
Data pagamento n.d.
Ultima raccomandazione 11/07/2016
Emittente BERNSTEIN
Raccomandazione Market perform
Target Price € 0.00
Andamento rating
 
Ultimo Aggiornamento: 05/12/2014

Wall Street, 3 Titoli Internet of Things da comprare adesso

Con i chip che sono sempre più piccoli, e sempre più potenti, è tempo che a Wall Street si guardi all'IoT ed ai suoi sviluppi, prima che sia troppo tardi per entrare sul mercato.

Wall Street, 3 Titoli Internet of Things da comprare adesso







L'inflazione Usa sostiene Wall Street. Bene i tecnologici

L'Asia si è lasciata alle spalle il sell-off di mercoledì, con Shanghai e Shenzhen che hanno guadagnato il 2% e oltre, e dopo la positiva seduta dei mercati europei, anche Wall Street torna a crescere.

L'inflazione Usa sostiene Wall Street. Bene i tecnologici

Wall Street: Titoli Nasdaq Strong Buy, ecco tre cavalli di razza

Per business come quelli legati all'intelligenza artificiale ed all'IOT, l'Internet of Things, ecco tre titoli tecnologici da inserire nella lista della spesa secondo Zacks considerando i parametri di valutazione e le prospettive di crescita di utili e ricavi.

Wall Street: Titoli Nasdaq Strong Buy, ecco tre cavalli di razza

Wall Street sconta i nuovi dazi. Male industriali e petrolio

Anche Wall Street sconta l'impatto dei nuovi dazi contro la Cina anticipati martedì dalla Casa Bianca, dopo il sell-off abbattutosi sui mercati dell'Asia-Pacific (Shanghai mercoledì aveva limitato le perdite, se così si può dire, intorno all'1,70%) e il deciso arretramento delle piazze europee.

Wall Street sconta i nuovi dazi. Male industriali e petrolio

I nuovi dazi frenano Wall Street. Male industriali e chip

Nessuna sorpresa a Wall Street.

I nuovi dazi frenano Wall Street. Male industriali e chip

Lavoro e It spingono Wall Street. Nasdaq in rialzo dell'1,34%

Dopo una partenza in sordina, Wall Street ha consolidato i suoi guadagni venerdì chiudendo la seduta in deciso progresso con gli investitori che hanno accolto positivamente i dati sul lavoro Usa: la disoccupazione si è attestata in giugno al 4,0% (contro il 3,8% atteso per una lettura invariata rispetto a maggio) e la crescita dei salari rimane debole, ma nel mese sono stati creati 231.

Lavoro e It spingono Wall Street. Nasdaq in rialzo dell'1,34%

Wall Street mista. Dow sulla parità, Nasdaq sale dello 0,50%

Dopo un avvio di seduta poco mosso per Wall Street, le performance degli indici Usa si sono consolidate su tendenze comunque non omogenee.

Wall Street mista. Dow sulla parità, Nasdaq sale dello 0,50%

L'It spinge al rialzo Wall Street. Il Nasdaq guadagna l'1,12%

Migliore seduta delle ultime cinque settimane giovedì per Wall Street, a fronte comunque di volumi non particolarmente elevati visto che la festa dell'Independence Day, caduta di mercoledì, ha condizionato sostanzialmente tutta l'ottava.

L'It spinge al rialzo Wall Street. Il Nasdaq guadagna l'1,12%

Wall Street a grandi falcate, Nasdaq spavaldo fa da lepre

Dow Jones, IBM vince gara in Australia. Nasdaq, Micron Technology conferma guidance sui ricavi. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street a grandi falcate, Nasdaq spavaldo fa da lepre

Wall Street in rialzo su allentamento tensioni tra Usa e Ue

Ritorno dall'Independence Day positivo per Wall Street, con i tre principali indici tutti in rialzo di circa mezzo punto percentuale, in scia per altro alla tendenza rialzista già registrata dalle piazze europee.

Wall Street in rialzo su allentamento tensioni tra Usa e Ue

Micron in rally. Ridimensionato impatto sentenza in Cina

Micron Technology ha aperto la seduta in rally di circa il 3% dopo il crollo del 5,51% della sessione abbreviata di vigilia dell'Indipendence Day (peggiore performance dell'S&P 500 martedì).

Micron in rally. Ridimensionato impatto sentenza in Cina

Wall Street vira in negativo in chiusura su debolezza dell'It

Dopo una partenza contrastata, sostenuta dal rialzo dei corsi del greggio, Wall Street ha virato in negativo a chiusura della sessione abbreviata di vigilia dell'Indipendence Day (i mercati newyorkesi riapriranno solo giovedì 5 luglio), con il settore tecnologico, già in partenza il peggiore performer, che ha trascinato al ribasso i tre principali indici Usa.

Wall Street vira in negativo in chiusura su debolezza dell'It
apk