Leonardo

RSS

Leonardo, industria a partecipazione statale

Leonardo, gruppo industriale attivo a livello internazionale nel settore aerospaziale, della difesa e sicurezza.


Grafico interattivo MIL:LDO offerto da TradingView

Leonardo, industria a partecipazione statale

Leonardo, già Leonardo-Finmeccanica S.p.A., è uno dei principali gruppi industriali italiani, attivo a livello internazionale nei settori dell'alta tecnologia. Il gruppo è impegnato nelle filiere aerospaziali della difesa e della sicurezza, attraverso le quali si occupa della progettazione e relativa produzione di elicotteri, aero strutture, satelliti, velivoli civili ed industriali ed elettronica per la sicurezza; è inoltre presente anche nelle filiere dei trasporti e dell'energia.

L'azionista di riferimento della capogruppo Leonardo S.p.A. (alla quale fanno riferimento circa 500 aziende) è il Ministero dell'Economia e delle Finanze, il quale detiene il controllo aziendale, con una quota pari al 30,2% dell'azionariato.

Le origini

Le radici della società ci riportano nel periodo del dopoguerra, impegnato nella ricostruzione delle attività nazionali e precisamente nel 1948, quando l'Istituto per la Ricostruzione Industriale, IRI, costituì la Società Finanziaria Meccanica Finmeccanica, che fungeva da finanziaria per l'industria meccanica ed era composta dalle società Ansaldo, Filotecnica Salmoiraghi, Alfa Romeo, Cantieri Riuniti dell'Adriatico, Navalmeccanica ed altre aziende del segmento.

Lo sviluppo di Leonardo-Finmeccanica

L'azienda subì un rapido processo di industrializzazione, basti pensare che nel 1960 il giro d'affari raggiunse i 124 miliardi, con oltre 30.000 dipendenti. Nell'arco degli anni successivi l'azienda cedette alcuni rami industriali (tra cui le aziende ferroviarie e quelle elettroniche), focalizzando ed ampliando il proprio core business nel ramo elettromeccanico, rappresentato dalle società Ansaldo, Aeritalia (costituita nel 1969 da Fiat e Finmeccanica), attiva nel comparto aerospaziale, e dal settore automobilistico, con la società Alfa Romeo, che nel 1986 venne ceduta alla Fiat.

La crisi energetica

In seguito alla crisi energetica, che colpì il paese nel 1973, il gruppo cedette alcune aziende e si concentrò nelle attività elettromeccaniche, rilanciando l'azienda Ansaldo nei trasporti e nei sistemi industriali. Finmeccanica entrò allora nel settore aerospaziale, attraverso la società Aeritalia (ceduta da Fiat): iniziò così un lungo processo di espansione, attraverso varie acquisizioni ed accordi sul mercato italiano ed estero.

Il collocamento in Borsa di Leonardo-Finmeccanica

Nel 1992 la società trasforma la sua denominazione sociale diventando società per azioni, anche se di fatto resta sotto il controllo pubblico (visto che l'azionista principale è il Ministero dell'Economia); Finmeccanica S.p.A. fa il suo debutto in Borsa a Milano, quotandosi sul mercato telematico.

La trasformazione in holding industriale

In seguito alla riduzione della partecipazione pubblica dell'IRI (che collocò sul mercato gran parte dell'azionariato di Finmeccanica), avvenuta nel 2000, Finmeccanica si trasforma da finanziaria a gruppo industriale.

Negli anni successivi il gruppo continua a specializzandosi nei settori produttivi degli elicotteri, dell'elettronica per la difesa, in ambito aerospaziale e in quello aeronautico, attraverso il lungo processo di espansione. Quest'ultimo ha interessato acquisizioni e costituzioni di nuove aziende, quali Telespazio, AnsaloniBreda, Elsag, Alenia Aeronautica, Datamat e la società americana Agusta Westland, diventando così una realtà a livello globale.

I principali dati economico finanziari

Leonardo S.p.A. ha la sede principale a Roma, in piazza Monte Grappa, 4 ed è presente a livello mondiale con stabilimenti ed uffici negli Stati Uniti e in Polonia, Gran Bretagna, Arabia Saudita, Cina, Turchia, Malesia, Brasile e Russia; la forza lavoro è composta da circa 66.782 dipendenti, dislocati nelle varie località.

Il gruppo internazionale, guidato dal Manager Alessandro Pansa è presente con oltre 240 sedi sul mercato estero è quotato alla Borsa di Milano, nel segmento MTA, con il simbolo FNC ed ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013 con un fatturato pari a 17,571 miliardi di euro in crescita rispetto ai 15,89 miliardi del 2012, a loro volta in flessione rispetto all'anno 2011 conclusosi con ricavi per 17,3 miliardi di euro.

Per maggiori informazioni: LEONARDO

Nome società LEONARDO
Paese Italia
Mercato FTSE MIB
Settore PRODOTTI E SERVIZI INDUSTRIALI
Codice Alfa LDO
Codice Isin IT0003856405
Codice Reuters SIFI.MI
Sito web società Link
Telefono +3906324731
Fax +39063208621
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Piazza Monte Grappa 4, 00195 Roma (RM)
Società revisione KPMG S.p.A.
Azioni in circolazione 578.150.395
Capitale Sociale 2.543.861.738
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 4.40
Data di collocamento 03/06/2000
Prezzo di collocamento € 1.50
Ultimo dividendo € 0.1500
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 23/05/2018
Ultima raccomandazione 03/08/2018
Emittente BANCA IMI
Raccomandazione Add
Target Price € 12.10
Andamento rating
 
De Gennaro Giovanni
Rubini Marina
Dassu' Marta
Alpa Piero Guido
Calderone Marina Elvira
Frigerio Dario
Landi Fabrizio
Merlo Silvia
Cantarella Paolo
Profumo Alessandro Stefano Maria
Bader Luca
Turicchi Antonino
Bauer Riccardo Raul
Perrini Francesco
Savi Daniela
Quagliata Leonardo
Fornasiero Sara
Monassi Marina
Rossi Luca
Ministero dell'Economia e delle Finanze 32.45 %
31/12/2017 Variaz. % 31/12/2016
TOTALE RICAVI 11.595,00 -3,39% 12.002,00
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 1.588,00 -16,73% 1.907,00
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 833,00 -33,47% 1.252,00
RISULTATO ANTE IMPOSTE 397,00 -40,30% 665,00
RISULTATO NETTO 274,00 -45,96% 507,00
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 2.579,00 -9,35% 2.845,00
PATRIMONIO NETTO 4.484,00 2,54% 4.373,00
CAPITALE INVESTITO 7.063,00 -10,82% 7.920,00
Ultimo Aggiornamento: 06/08/2018







Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano. FTSE MIB -0,87%

Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano.

Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano. FTSE MIB -0,87%

L'Angolo del Trader

Leonardo ha perso terreno venerdì, confermando la debolezza delle ultime sedute, peraltro fisiologica dopo il balzo di fine luglio/inizio agosto.

L'Angolo del Trader

Piazza Affari in forte flessione: Turchia e spread pesano sui bancari. FTSE MIB -2,51%

Piazza Affari in forte flessione: Turchia e spread pesano sui bancari.

Piazza Affari in forte flessione: Turchia e spread pesano sui bancari. FTSE MIB -2,51%

Piazza Affari in forte ribasso: bancari colpiti da crisi Turchia. FTSE MIB -2,34%

Piazza Affari in forte ribasso: bancari colpiti da crisi Turchia.

Piazza Affari in forte ribasso: bancari colpiti da crisi Turchia. FTSE MIB -2,34%

Leonardo non compromette il segnale grafico rialzista

Lieve calo in settimana per Leonardo, un movimento correttivo che non compromette il segnale grafico rialzista inviato nella precedente.

Leonardo non compromette il segnale grafico rialzista

M&C: integrazioni comunicato cessione Treofan

Comunicato stampa M&C - Integrazioni al comunicato del 06-08-2018.

M&C: integrazioni comunicato cessione Treofan

Ceramiche Ricchetti: QuattroR acquisisce controllo, lancerà OPA a €2,15

Comunicato stampa Ceramiche Ricchetti.

Ceramiche Ricchetti: QuattroR acquisisce controllo, lancerà OPA a €2,15

Leonardo: nuovi contratti internazionali

Leonardo, attraverso la controllata tedesca Selex ES GmbH, ha siglato una serie di contratti internazionali con diversi clienti in Europa.

Leonardo: nuovi contratti internazionali

Persistono i rischi al ribasso. Idee di trading su alcuni titoli

La view su Piazza Affari in questo momento è più negativa che positiva: come sfruttare i segnali del mercato e a quali titoli guardare ora secondo Gerardo Murano.

Persistono i rischi al ribasso. Idee di trading su alcuni titoli

Borsa italiana in flessione con bancari e spread. FTSE MIB -0,44%

Borsa italiana in flessione con bancari e spread.

Borsa italiana in flessione con bancari e spread. FTSE MIB -0,44%

Piazza Affari sotto la parità: BPER sotto pressione, bene Pirelli. FTSE MIB -0,29%

Piazza Affari sotto la parità: BPER sotto pressione, bene Pirelli.

Piazza Affari sotto la parità: BPER sotto pressione, bene Pirelli. FTSE MIB -0,29%
apk