Mediobanca

RSS

Mediobanca S.p.A., banca d'investimento e d'affari nazionale

Mediobanca è una banca italiana fondata nel 1946 da Enrico Cuccia. Oggi è presente sui maggiori mercati internazionali.


Grafico interattivo MIL:MB offerto da TradingView

Mediobanca S.p.A., banca d'investimento e d'affari nazionale

Mediobanca è tra i principali gruppi bancari nazionali. L'istituto finanziario offre al privato ed ai gruppi imprenditoriali una vasta gamma di prodotti e servizi comprendenti il ramo della consulenza, risparmio, investimenti, finanziamenti al comparto relativo ai mercati finanziari.

Le principali società controllate del gruppo sono rappresentate da: Banca Esperia, Che Banca!, Compass, SelmaBipiemme Leasing e CMB.

Le origini

L'istituto Banca di Credito Finanziario, Mediobanca fu costituita alla fine della seconda guerra mondiale, precisamente l'11 aprile del 1946, con il nome di Mediobanca grazie all'iniziativa del presidente della Banca Commerciale Italiana, Raffaele Mattioli (Vasto,1895 - Roma,1973 fu un economista e banchiere italiano) ed il contributo delle banche Credito Italiano e del Banco di Roma, con lo scopo di aiutare lo sviluppo delle imprese nella ricostruzione post bellica. La banca si occupava dell'erogazione di crediti a medio termine alle imprese, per l'acquisizione di macchinari e dì attrezzature.

Enrico Cuccia e la gestione di Mediobanca

Tra i personaggi di rilievo della nuova banca, spicca il nome del banchiere (condirettore della banca commerciale Italiana) Enrico Cuccia (Roma, 1907 - Milano, 2000), il quale fu nominato da subito direttore generale di Mediobanca. In seguito il banchiere Cuccia divenne amministratore delegato della stessa banca, mentre nel 1988 fu eletto presidente onorario, nomina che lo accompagnerà fino alla sua scomparsa, avvenuta a Milano nel 2000.

Enrico Cuccia contribuì attivamente allo sviluppo economico finanziario del periodo post bellico, portando a termine complesse operazioni finanziarie. Sotto la sua guida la banca si trasformò da semplice istituto di credito (finalizzato al mero finanziamento nel medio termine), a banca d'affari e d'investimento. Il banchiere, diversificò l'attività bancaria già attorno al 1955, introducendo una serie di servizi parabancari, avvicinandosi così all'attività di banca d'affari.

Lo sbarco in Borsa di Mediobanca

Nel 1956 la banca fece il suo ingresso sul mercato telematico italiano, quotandosi in Borsa. Successivamente la banca iniziò a svilupparsi, anche attraverso le partecipazioni in società tra le quali vanno citate le Assicurazioni Generali (1956), Fiat (1956), Snia Viscosa (1959), Pirelli S.p.A. (1960), Mondadori (1963)ed Olivetti (1966). In quegli anni la banca d'affari portò a termine vari accordi di partnership internazionale, con realtà bancarie di spessore, come il gruppo newyorkese della Lehman Brother, Lazard ed il gruppo Berliner Gesellschaft di Francoforte.

L'avvio alla privatizzazione di Mediobanca S.p.a.

Nel 1988 in seguito alla ridefinizione dell'assetto azionario la banca d'investimento venne privatizzata. I principali fondatori storici dell'istituto, ovvero le tre banche (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma) ridussero il loro possesso azionario dal 56,9% al 25% del capitale sociale. Le quote vennero acquisite da gruppi imprenditoriali privati previa stipulazione del sindacato di blocco che prevedeva la partecipazione paritetica a quella dei tre istituti di credito.

Il processo di internazionalizzazione

Negli anni seguenti la banca d'investimento continuò a svilupparsi a livello internazionale, attraverso l'apertura di nuove filiali a Parigi, Francoforte, Madrid e la costituzione di istituti come la Mediobanca International, la Micos Banca (per i finanziamenti immobiliari).

I principali dati finanziari

Mediobanca S.p.A. ha la propria sede principale a Milano in Piazzetta E. Cuccia,1. Il gruppo è quotato alla Borsa valori di Milano, sul mercato MTA, con il simbolo MB.

Mediobanca S.p.A. ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2012/13, conclusosi il 30 giugno 2013, con un fatturato pari a 1.990 milioni di euro.

Per maggiori informazioni:MEDIOBANCA

Nome società MEDIOBANCA
Paese Italia
Mercato FTSE MIB
Settore BANCHE
Codice Alfa MB
Codice Isin IT0000062957
Codice Reuters MDBI.MI
Sito web società Link
Telefono +390288291
Fax +39028829367
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Piazzetta Enrico Cuccia 1, 20121 Milano (MI)
Società revisione Price Waterhouse Coopers
Azioni in circolazione 867.167.761
Capitale Sociale 430.703.356
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0.50
Data di collocamento n.d.
Prezzo di collocamento n.d.
Ultimo dividendo € 0.3700
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 22/11/2017
Ultima raccomandazione 03/08/2018
Emittente BANCA IMI
Raccomandazione Add
Target Price € 10.00
Andamento rating
 
Pagliaro Renato
Nagel Alberto
Carfagna Maurizio
Pecci Alberto
Bollorè Marie
Costa Maurizio
Vinci Francesco Saverio
Comneno Maurizia Angelo
Gamba Angela
Hortefeux Valérie
Tononi Massimo
Villa Gabriele
Magistretti Elisabetta
Lupoi Alberto
Bertolini Massimo
Freddi Natale
Gualtieri Laura
Trotter Alessandro
Negri Barbara
Di Carlo Francesco
Sarubbi Stefano
Banca Mediolanum SpA 3.34 %
Bollorè Vincent 5.03 %
Unicredit SpA 8.70 %
Invesco Ltd 3.13 %
31/12/2017 Variaz. % 31/12/2016
Margine Gestione Finanziaria 1.981,10 11,42 % 1.778,10
Utile (Perdita) Netto del Gruppo 750,20 24,10 % 604,50
Crediti Verso la Clientela 38.763,10 2,33 % 37.881,40
Sofferenze Lorde 661,60 5,94 % 624,50
Massa Amministrata 69.433,30 0,52 % 69.074,40
Patrimonio netto 9.191,60 3,02 % 8.921,80
Raccolta da Clientela 40.474,70 1,24 % 39.977,60
Ultimo Aggiornamento: 21/07/2018







Inversione di rotta per i bancari italiani, rendimenti e spread in risalita

Inversione di rotta per i bancari italiani dopo un buon avvio di seduta.

Inversione di rotta per i bancari italiani, rendimenti e spread in risalita

Le Borse provano a reagire: a Milano le banche soffrono ancora

Sul mercato domestico spicca il rally di Saipem, acquisti vivaci anche sulle due Unipol. Spunti positivi tra gli industriali.

Le Borse provano a reagire: a Milano le banche soffrono ancora

Mediobanca in controtendenza con il settore su rumors Azimut

Mediobanca (-1,3%) debole in controtendenza con il settore: secondo indiscrezioni Piazzetta Cuccia vorrebbe acquisire Azimut Holding (+2,2%) come mossa difensiva nei confronti del fondo Elliott.

Mediobanca in controtendenza con il settore su rumors Azimut

Borsa italiana positiva: bancari in recupero, bene Saipem e Unipol, in rosso Mediaset. FTSE MIB +0,67%

Borsa italiana positiva: bancari in recupero, bene Saipem e Unipol, in rosso Mediaset.

Borsa italiana positiva: bancari in recupero, bene Saipem e Unipol, in rosso Mediaset. FTSE MIB +0,67%

Piazza Affari in rosso con i bancari: pesano Turchia e spread. FTSE MIB -0,58%

Piazza Affari in rosso con i bancari: pesano Turchia e spread.

Piazza Affari in rosso con i bancari: pesano Turchia e spread. FTSE MIB -0,58%

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Anche la banca centrale turca darà vita a quel whatever it takes che nel 2012 permise alla Bce di salvare l'euro. Ma la banca centrale di Ankara non è l'istituto di Francoforte e la lira turca non è l'euro.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari sopra i minimi giornalieri: bancari ancora sotto schiaffo, bene Azimut. FTSE MIB -0,77%

Piazza Affari sopra i minimi giornalieri: bancari ancora sotto schiaffo, bene Azimut.

Piazza Affari sopra i minimi giornalieri: bancari ancora sotto schiaffo, bene Azimut. FTSE MIB -0,77%

Bancari sotto pressione con Turchia e spread

I bancari restano sotto pressione a causa della crisi della Turchia: la lira turca nella notte ha toccato il minimo storico contro dollaro a 7,1326.

Bancari sotto pressione con Turchia e spread

Borse ancora frenate dalla crisi turca. Banche pesanti a Milano

Sul mercato domestico salgono in controtendenza Azimut, Moncler e Ferrari, ma il segno più precede anche le due Unipol. Spread in rialzo con timori per la politica.

Borse ancora frenate dalla crisi turca. Banche pesanti a Milano

Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano. FTSE MIB -0,87%

Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano.

Borsa italiana ancora debole, crisi Turchia resta in primo piano. FTSE MIB -0,87%

Movimenti laterali per Mediobanca

Movimenti laterali per Mediobanca che attende l'eventuale riattivazione del progresso di fine luglio.

Movimenti laterali per Mediobanca
apk