Mediobanca

RSS

Mediobanca S.p.A., banca d'investimento e d'affari nazionale

Mediobanca è tra i principali gruppi bancari nazionali. L'istituto finanziario offre al privato ed ai gruppi imprenditoriali una vasta gamma di prodotti e servizi comprendenti il ramo della consulenza, risparmio, investimenti, finanziamenti al comparto relativo ai mercati finanziari.

Le principali società controllate del gruppo sono rappresentate da: Banca Esperia, Che Banca!, Compass, SelmaBipiemme Leasing e CMB.

Le origini

L'istituto Banca di Credito Finanziario, Mediobanca fu costituita alla fine della seconda guerra mondiale, precisamente l'11 aprile del 1946, con il nome di Mediobanca grazie all'iniziativa del presidente della Banca Commerciale Italiana, Raffaele Mattioli (Vasto,1895 - Roma,1973 fu un economista e banchiere italiano) ed il contributo delle banche Credito Italiano e del Banco di Roma, con lo scopo di aiutare lo sviluppo delle imprese nella ricostruzione post bellica. La banca si occupava dell'erogazione di crediti a medio termine alle imprese, per l'acquisizione di macchinari e dì attrezzature.

Enrico Cuccia e la gestione di Mediobanca

Tra i personaggi di rilievo della nuova banca, spicca il nome del banchiere (condirettore della banca commerciale Italiana) Enrico Cuccia (Roma, 1907 - Milano, 2000), il quale fu nominato da subito direttore generale di Mediobanca. In seguito il banchiere Cuccia divenne amministratore delegato della stessa banca, mentre nel 1988 fu eletto presidente onorario, nomina che lo accompagnerà fino alla sua scomparsa, avvenuta a Milano nel 2000.

Enrico Cuccia contribuì attivamente allo sviluppo economico finanziario del periodo post bellico, portando a termine complesse operazioni finanziarie. Sotto la sua guida la banca si trasformò da semplice istituto di credito (finalizzato al mero finanziamento nel medio termine), a banca d'affari e d'investimento. Il banchiere, diversificò l'attività bancaria già attorno al 1955, introducendo una serie di servizi parabancari, avvicinandosi così all'attività di banca d'affari.

Lo sbarco in Borsa di Mediobanca

Nel 1956 la banca fece il suo ingresso sul mercato telematico italiano, quotandosi in Borsa. Successivamente la banca iniziò a svilupparsi, anche attraverso le partecipazioni in società tra le quali vanno citate le Assicurazioni Generali (1956), Fiat (1956), Snia Viscosa (1959), Pirelli S.p.A. (1960), Mondadori (1963)ed Olivetti (1966). In quegli anni la banca d'affari portò a termine vari accordi di partnership internazionale, con realtà bancarie di spessore, come il gruppo newyorkese della Lehman Brother, Lazard ed il gruppo Berliner Gesellschaft di Francoforte.

L'avvio alla privatizzazione di Mediobanca S.p.a.

Nel 1988 in seguito alla ridefinizione dell'assetto azionario la banca d'investimento venne privatizzata. I principali fondatori storici dell'istituto, ovvero le tre banche (Banca Commerciale Italiana, Credito Italiano e Banco di Roma) ridussero il loro possesso azionario dal 56,9% al 25% del capitale sociale. Le quote vennero acquisite da gruppi imprenditoriali privati previa stipulazione del sindacato di blocco che prevedeva la partecipazione paritetica a quella dei tre istituti di credito.

Il processo di internazionalizzazione

Negli anni seguenti la banca d'investimento continuò a svilupparsi a livello internazionale, attraverso l'apertura di nuove filiali a Parigi, Francoforte, Madrid e la costituzione di istituti come la Mediobanca International, la Micos Banca (per i finanziamenti immobiliari).

I principali dati finanziari

Mediobanca S.p.A. ha la propria sede principale a Milano in Piazzetta E. Cuccia,1. Il gruppo è quotato alla Borsa valori di Milano, sul mercato MTA, con il simbolo MB.

Mediobanca S.p.A. ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2012/13, conclusosi il 30 giugno 2013, con un fatturato pari a 1.990 milioni di euro.

Per maggiori informazioni:MEDIOBANCA



Technogym supera una importante resistenza

Technogym positiva venerdì all'indomani della pubblicazione dei risultati del primo semestre 2018.

Technogym supera una importante resistenza

Piazza Affari in rialzo: CNH e Banca Mediolanum le migliori blue chip. FTSE MIB +0,50%

Piazza Affari in rialzo: CNH e Banca Mediolanum le migliori blue chip.

Piazza Affari in rialzo: CNH e Banca Mediolanum le migliori blue chip. FTSE MIB +0,50%

Credito Valtellinese in forte rialzo grazie a Mediobanca

Credito Valtellinese (+4,8% a 0,1113 euro) in forte rialzo grazie a Mediobanca: gli analisti di Piazzetta Cuccia hanno migliorato il giudizio sul titolo da neutral a outperform e incrementato il target da 0,11 a 0,15 euro.

Credito Valtellinese in forte rialzo grazie a Mediobanca

Mediobanca, il cda coopta Ibarra e Pignatti-Morano

Il Consiglio di Amministrazione di Mediobanca del 20 settembre 2018 ha approvato il progetto di bilancio d'esercizio e il bilancio consolidato al 30 giugno 2018 che rispecchiano i risultati approvati lo scorso 31 luglio e resi pubblici il giorno successivo: risultato netto di € 337 milioni per la capogruppo Mediobanca S.

Mediobanca, il cda coopta Ibarra e Pignatti-Morano

L'Angolo del Trader

Vendite ieri su Mediobanca (-1,44% a 9,1740 euro) su indiscrezioni del Sole 24 Ore secondo cui i membri del patto sembrano intenzionati a mantenere l'accordo almeno a fine 2019.

L'Angolo del Trader

Sotto la lente dell'analisi tecnica

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell'analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani.

Sotto la lente dell'analisi tecnica

Piazza Affari in verde: bene STM e FCA, bancari in ripiegamento. FTSE MIB +0,51%

Piazza Affari in verde: bene STM e FCA, bancari in ripiegamento.

Piazza Affari in verde: bene STM e FCA, bancari in ripiegamento. FTSE MIB +0,51%

Mediobanca debole su rumor patto

Mediobanca (-1,9%) debole su indiscrezioni del Sole 24 Ore secondo cui i membri del patto sembrano intenzionati a mantenere l'accordo almeno a fine 2019.

Mediobanca debole su rumor patto

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari procede bene e alle 15 può vantare un +0,87% sulla tabella di marcia (21.456 punti) assecondando quindi anche il trend del resto d'Europa.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari in ascesa: brillano bancari e STM. FTSE MIB +0,85%

Piazza Affari in ascesa: brillano bancari e STM.

Piazza Affari in ascesa: brillano bancari e STM. FTSE MIB +0,85%

Il Punto sui Mercati

Piazza Affari reginetta d'Europa, nonostante i timori di un aumento selettivo dell'Iva per raccogliere le risorse da destinare al reddito di cittadinanza.

Il Punto sui Mercati

Buy&Sell a Piazza Affari: i rating di oggi

Piazza Affari continua ad avanzare: poco prima delle 13 registra 21.461,3 punti con un +0,85%. I rating degli analisti.

Buy&Sell a Piazza Affari: i rating di oggi

Mediobanca a ridosso di una resistenza

Momento cruciale per Mediobanca (-0,7%) riaffacciatosi in prossimità di area 9,40, minimi allineati di marzo e aprile.

Mediobanca a ridosso di una resistenza

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari resta in rampa di lancio: ecco i prossimi ostacoli

Il Ftse Mib a piccoli passi continua a spingersi in avanti, puntando a delle resistenze di un certo rilievo. I market movers di domani.

Piazza Affari resta in rampa di lancio: ecco i prossimi ostacoli

Telecom Italia ancora in calo a Milano

Seduta decisamente difficile per Telecom Italia che segna nel pomeriggio un ribasso dell'1,44% e si riporta a 56,32 centesimi dopo un allungo in avvio a quota 57,74.

Telecom Italia ancora in calo a Milano
apk