Saipem

RSS

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Petroliferi in flessione penalizzati dal calo del greggio

Petroliferi in flessione penalizzati dal calo del greggio degli ultimi minuti: i future gennaio segnano per il Brent 66,85 $/barile (dal massimo giornaliero a 67,60 circa), per il WTI 56,90 $/barile (dal massimo giornaliero a 57,50 circa).

Petroliferi in flessione penalizzati dal calo del greggio

Focus azioni Italia: le storie della settimana

La perdita dei diritti di UEFA Champions League ha gravato sui ricavi di Mediaset, il cui business da pubblicità è calato ad ottobre dell’1%.

Focus azioni Italia: le storie della settimana

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas.

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas.

Rimbalzo provvidenziale per il settoriale Eurostoxx Oil & Gas

Video: Borsa italiana positiva con lusso e petroliferi

Moncler e Ferragamo in netta crescita questa mattina.

Video: Borsa italiana positiva con lusso e petroliferi

Borsa italiana positiva con auto e petroliferi, balza Astaldi. FTSE MIB +0,89%

Borsa italiana positiva con auto e petroliferi, balza Astaldi.

Borsa italiana positiva con auto e petroliferi, balza Astaldi. FTSE MIB +0,89%

Piazza Affari negativa, trimestrali e spread protagonisti. FTSE MIB -0,90%

Piazza Affari negativa, trimestrali e spread protagonisti.

Piazza Affari negativa, trimestrali e spread protagonisti. FTSE MIB -0,90%

Piazza Affari negativa: industriali e banche sotto pressione. FTSE MIB -0,85%

Piazza Affari negativa: industriali e banche sotto pressione.

Piazza Affari negativa: industriali e banche sotto pressione. FTSE MIB -0,85%

Saipem rimbalza da un forte supporto

Saipem rimbalza dopo aver testato il 14 novembre con un"hammer" in area 4,14 la base del canale ribassista tracciato dal topdi ottobre.

Saipem rimbalza da un forte supporto

Positivi i petroliferi nonostante l'arretramento del greggio

Positivi i petroliferi nonostante l'arretramento del greggio dai massimi di ieri pomeriggio (toccati dopo il rimbalzo da minimi di periodo).

Positivi i petroliferi nonostante l'arretramento del greggio

Borsa italiana azzera guadagni visti in apertura. FTSE MIB +0,04%

Borsa italiana azzera guadagni visti in apertura.

Borsa italiana azzera guadagni visti in apertura. FTSE MIB +0,04%

Focus sempre sull'Italia: attese nel breve e titoli sotto esame

Per il Ftse Mib primi segnali di positività solo oltre i massimi della scorsa ottava, mentre i rischi aumenteranno sotto area 19.000. La view di Pietro Origlia.

Focus sempre sull'Italia: attese nel breve e titoli sotto esame

Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy

Le quotazioni dell'oro nero risalgono la china dopo 12 sessioni consecutive in calo che hanno portato ieri al ribasso giornaliero più ampio da quasi 2 anni. Le attese degli analisti sul comparto: positiva la view su diversi titoli oil.

Petrolio: cause del crollo e previsioni. I titoli oil ancora buy

Petrolio in recupero: Brent a 66,19 dollari al barile

Prezzi del petrolio un parziale recupero dopo i pesanti ribassi di ieri.

Petrolio in recupero: Brent a 66,19 dollari al barile

Titoli petroliferi deboli ma sopra i minimi

I titoli del settore petrolifero seguono il greggio e perdono terreno, anche se meno rispetto ai minimi visti durante la mattinata.

Titoli petroliferi deboli ma sopra i minimi

C'è spazio per salire, ma i rischi restano: i titoli da valutare

Nel breve il Ftse Mib ha margini di apprezzamento oltre i recenti massimi, ma a preoccupare è anche la struttura degli altri mercati. L'analisi e le strategie di Massimiliano De Marco.

C'è spazio per salire, ma i rischi restano: i titoli da valutare
apk