Saipem

RSS

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Ftse Mib: i target del rimbalzo e i titoli con cui cavalcarlo

Il recupero partito dai minimi dell'anno non è ancora concluso e il consiglio è di approfittarne fino al raggiungimento di soglie di prezzo ben precise. L'analisi di Pietro Paciello.

Ftse Mib: i target del rimbalzo e i titoli con cui cavalcarlo

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Il Ftse Mib eviterà il peggio per ora? I titoli buoni e cattivi

A Piazza Affari si dovrebbe assistere ad un rimbalzo da qui a Natale, a patto che non sia violata una soglia di prezzo molto importante. L'analisi e le indicazioni di Angelo Ciavarella.

Il Ftse Mib eviterà il peggio per ora? I titoli buoni e cattivi

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Borse: un dicembre da brividi

Soltanto A2A fa segnare un flebile segno più. Le utilities limitano i cali. Giù i bancari ma non è un crollo. Sul fondo Moncler e Mediaset.

Borse: un dicembre da brividi

Piazza Affari in rosso con Mediaset e lusso. FTSE MIB -1,77%

Piazza Affari in rosso con Mediaset e lusso.

Piazza Affari in rosso con Mediaset e lusso. FTSE MIB -1,77%

Piazza Affari: quadro sempre più allarmante. I titoli nel mirino

Per il Ftse Mib non si prevede un recupero e si teme piuttosto un nuovo attacco ai minimi, la cui rottura aprirebbe scenari preoccupanti. La view di Fabrizio Brasili.

Piazza Affari: quadro sempre più allarmante. I titoli nel mirino

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Il mix di incertezze tra Europa e Usa mettono al tappeto l'Europa e Wall Street. Alle 16, infatti, i mercati del Vecchio Continente vedevano il Ftse Mib a -0,9% (18.564 punti)

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari in rosso, Mediaset e OVS sotto pressione. FTSE MIB -0,65%

Piazza Affari in rosso, Mediaset e OVS sotto pressione.

Piazza Affari in rosso, Mediaset e OVS sotto pressione. FTSE MIB -0,65%

Petroliferi negativi in scia alla correzione del greggi

Petroliferi negativi (Saipem -2,3%, Eni -0,2%, Tenaris -1,3%) in scia alla correzione del greggio dai massimi toccati venerdì dopo l'accordo OPEC sui tagli alla produzione: il future febbraio sul Brent segna 61,00 $/barile (da 63,40 circa), il future gennaio sul WTI segna 51,75 $/barile (da 54,00 circa).

Petroliferi negativi in scia alla correzione del greggi

Piazza Affari: addio rally di Natale? Strategie su vari titoli

Diversi fattori contribuiscono a mantenere il barometro verso le vendite diffuse e per il Ftse Mib il livello spartiacque è dato dai minimi dell'anno in area 18.400. L'analisi e le indicazioni operative di Roberto Scudeletti.

Piazza Affari: addio rally di Natale? Strategie su vari titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

L'Angolo del Trader

Deciso balzo in avanti venerdì per Saipem trascinata dal rialzo del greggio dai minimi della mattinata: il future febbraio sul Brent è arrivato a segnare 62,70 $/barile (da 59,10 circa), il future gennaio sul WTI recupera in area 53,55 $/barile (da 50,60 circa).

L'Angolo del Trader
apk