Saipem

RSS

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Borse su, dazi giù

Milano ancora la migliore in Europa. Guadagnano oltre sei punti Cnh Ind., Banco BPM ed Stm. Ancora in calo Atlantia.

Borse su, dazi giù

Piazza Affari tonica con esito G20 e discesa spread. FTSE MIB +2,26%

Piazza Affari tonica con esito G20 e discesa spread.

Piazza Affari tonica con esito G20 e discesa spread. FTSE MIB +2,26%

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Corrono i mercati europei, corre Wall Street, corre il petrolio. Rally generalizzato un po' su tutti i fronti quello che si sta osservando in queste ore sul panorama internazionale.

Piazza Affari: i titoli più importanti della giornata

Piazza Affari poco sotto i massimi, spread in calo. FTSE MIB +1,99%

Piazza Affari poco sotto i massimi, spread in calo.

Piazza Affari poco sotto i massimi, spread in calo. FTSE MIB +1,99%

Il Punto sui Mercati

Borsa italiana in forte rialzo a inizio ottava, grazie alla tregua sui dazi tra Usa e Cina annunciata ieri a margine del G20.

Il Punto sui Mercati

Saipem accelera oltre i 4 euro

Saipem (+6,47%) prolunga la reazione avviata dopo il test a 3,47 euro del minimio del 29 maggio fin sopra i 4 euro.

Saipem accelera oltre i 4 euro

Petroliferi in accelerazione con rimbalzo greggio

Petroliferi in accelerazione (Saipem +5,7%, Tenaris +4,1%, Eni +1,9%) grazie al rimbalzo del greggio dai minimi di venerdì: il future febbraio sul Brent segna 61,80 $/barile (da 58 circa), il future gennaio sul WTI segna 53,15 $/barile (da 49,60 circa).

Petroliferi in accelerazione con rimbalzo greggio

Borsa italiana brillante grazie all'accordo USA-Cina. FTSE MIB +2,10%

Borsa italiana brillante grazie all'accordo USA-Cina.

Borsa italiana brillante grazie all'accordo USA-Cina. FTSE MIB +2,10%

Piazza Affari sopra la parità, mercati attendono esito G20. FTSE MIB +0,15%

Piazza Affari sopra la parità, mercati attendono esito G20.

Piazza Affari sopra la parità, mercati attendono esito G20. FTSE MIB +0,15%

Piazza Affari poco mossa, borse incerte in attesa del G20. FTSE MIB +0,05%

Piazza Affari poco mossa, borse incerte in attesa del G20.

Piazza Affari poco mossa, borse incerte in attesa del G20. FTSE MIB +0,05%

Petrolio, prezzi di nuovo in calo

Prezzi del petrolio ancora in calo nei mercati internazionali.

Petrolio, prezzi di nuovo in calo

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli.

Ftse Mib, l'analisi dei singoli titoli

Piazza Affari in verde: Luxottica, Prysmian e Ferrari in evidenza. FTSE MIB +0,23%

Piazza Affari in verde: Luxottica, Prysmian e Ferrari in evidenza.

Piazza Affari in verde: Luxottica, Prysmian e Ferrari in evidenza. FTSE MIB +0,23%

Petroliferi in rimonta. I titoli pronti a regalare soddisfazioni

I titoli del comparto approfittano dell'inversione di rotta registrata dal petrolio che si mantiene però sui minimi da circa un anno. Diversi i buy suggeriti dagli analisti nel settore oil a Piazza Affari.

Petroliferi in rimonta. I titoli pronti a regalare soddisfazioni

Petroliferi recuperano con rimbalzo greggio

Petroliferi in recupero (Saipem +2,0%, Eni +1,5%, Tenaris +0,2%) con il greggio che riemerge dai minimi da ottobre 2017 toccati a inizio mattinata: il future febbraio sul Brent segna 59,90 $/barile (da 57,80 circa), il future gennaio sul WTI segna 51,35 $/barile (da 49,50 circa).

Petroliferi recuperano con rimbalzo greggio

Piazza Affari in verde: brillano Luxottica e Prysmian, bancari deboli. FTSE MIB +0,26%

Piazza Affari in verde: brillano Luxottica e Prysmian, bancari deboli.

Piazza Affari in verde: brillano Luxottica e Prysmian, bancari deboli. FTSE MIB +0,26%
apk