Saipem

RSS

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Piazza Affari allungherà con le banche? I titoli buoni e cattivi

Dopo la debolezza delle ultime due sedute il Ftse Mib sembra pronto a riprendere la via del recupero: i prossimi target e i titoli da monitorare secondo Pietro Origlia.

Piazza Affari allungherà con le banche? I titoli buoni e cattivi

Piazza Affari in lieve calo con petroliferi e auto. Bancari positivi. FTSE MIB -0,18%

Piazza Affari in lieve calo con petroliferi e auto.

Piazza Affari in lieve calo con petroliferi e auto. Bancari positivi. FTSE MIB -0,18%

Ftse Mib: credibile una dinamica rialzista. I titoli in e out

Il doppio minimo dei giorni scorsi apre margini di recupero nel breve anche oltre i recenti massimi di periodo. L'analisi e le indicazioni operative di Massimiliano De Marco.

Ftse Mib: credibile una dinamica rialzista. I titoli in e out

Borsa italiana poco mossa. Bene i bancari. Male auto, TIM e Tenaris. FTSE MIB -0,03%

Borsa italiana poco mossa.

Borsa italiana poco mossa. Bene i bancari. Male auto, TIM e Tenaris. FTSE MIB -0,03%

Petroliferi positivi, Tenaris in forte calo con accuse a AD Rocca

Bene i petroliferi grazie al recupero del greggio dai minimi di ieri pomeriggio.

Petroliferi positivi, Tenaris in forte calo con accuse a AD Rocca

Piazza Affari: lieve correzione dopo il rally di ieri. FTSE MIB -0,43%

Piazza Affari: lieve correzione dopo il rally di ieri.

Piazza Affari: lieve correzione dopo il rally di ieri. FTSE MIB -0,43%

Brent in recupero a $ 60,96, ma petroliferi deboli a Milano

Acquisti sul petrolio nei mercati internazionali: il future sul Brent guadagna sull'Ice lo 0,78% e si porta a 60,96 dollari al barile, mentre il derivato sul WTI passa di mano a 51,97 dollari (+0,65%).

Brent in recupero a $ 60,96, ma petroliferi deboli a Milano

Trading di breve-brevissimo: Saipem.

Stiamo seguendo SAIPEM (SPM) che dopo il forte rimbalzo di ieri (26 novembre) oggi è in congestione laterale.

Trading di breve-brevissimo: Saipem.

Piazza Affari in fisiologica flessione dopo il balzo di ieri. FTSE MIB -0,41%

Piazza Affari in fisiologica flessione dopo il balzo di ieri.

Piazza Affari in fisiologica flessione dopo il balzo di ieri. FTSE MIB -0,41%

Banche, Utility, Auto, Oil: i titoli da comprare ora in Europa

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di martedì 27 novembre.

Banche, Utility, Auto, Oil: i titoli da comprare ora in Europa

Borsa italiana recupera perdite iniziali. FTSE MIB -0,02%

Borsa italiana recupera perdite iniziali.

Borsa italiana recupera perdite iniziali. FTSE MIB -0,02%

Petroliferi in leggero ribasso, greggio sotto i massimi di ieri

I petroliferi indietreggiano dopo le performance positive della seduta precedente.

Petroliferi in leggero ribasso, greggio sotto i massimi di ieri

L'Angolo del Trader

Decisamente tonico Fca (+4,98%) in avvio di ottava: il titolo si spinge a toccare un massimo intraday a 14,848 euro, riportandosi poi in area 14,80, dopo aver terminato venerdi' a 14,096 euro.

L'Angolo del Trader

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Come venerdì scorso, anche ieri le borse si sono spinte in avanti.

L'agenda del trader: strategie e spunti per le prossime 24 ore

Nuovi slanci possibili: puntare sui bancari ora, meno sull'oil

Il quadro a Piazza Affari resta fragile, ma potrebbe anche cambiare in caso di superamento di un livello ben preciso. L'analisi di Angelo Ciavarella.

Nuovi slanci possibili: puntare sui bancari ora, meno sull'oil
apk