Saipem

RSS

Saipem, società italiana di perforazione e montaggi

La società Saipem S.p.A., acronimo di Società Anonima Italiana Perforazioni e Montaggi, appartiene al gruppo ENI ed opera nel settore petrolifero come prestatrice di servizi e realizzatrice di infrastrutture (offshore ed onshore). Tra le mansioni principali svolte, vi sono quelle rivolte alla ricerca di giacimenti di idrocarburi, alla costruzione di oleodotti e gasdotti e alla perforazione e realizzazione di nuovi pozzi petroliferi.
Nella realizzazione dei prepari impianti, Saipem opera per mezzo di società controllate, tra cui: Sonsub, Intermare sarda e Moss Maritime.

Le origini di Saipem

Il gruppo Saipem (la cui denominazione arriverà solo successivamente) nasce nel primo dopo Guerra, in concomitanza con l’arrivo in Agip di Enrico Mattei, all’epoca a capo di ENI, l’Ente Nazionale Idrocarburi. Il consolidamento di Saipem sul territorio inizia con l’esplorazione delle pianure lombarde. Tramite la società Snam, attiva nel trasporto e vendita di gas metano, acquisita da Agip nel 1949, Saipem consolida le proprie infrastrutture territoriali.
Nel 1954 ha inizio la costruzione dell’oleodotto in Egitto, lungo 145 km e in consorzio con un secondo costruttore. Tale progetto da visibilità alla società, che, nel 1956, a seguito della costituzione della società Snam Montaggi (scorporata da Snam) con la privata SAIP (attiva nel settore della perforazione), acquisisce la denominazione ufficiale di Saipem.

Gli sviluppi recenti

Nel 2008 Saipem incorpora la controllata Snamprogetti (acquisita nel 2006), presente a livello onshore ed attiva in progetti su terra.

Attualmente (ottobre 2014) l’azionista di riferimento per il gruppo ENI S.p.A. è del Ministero dell’Economie e delle Finanze (che possiede il 3,934% direttamente ed il 26,369% indirettamente, tramite la Cassa Depositi e Prestiti). La composizione di Saipem è a sua volta strutturata in:
- ENI S.p.A.: 42,93%
- Dodge & Cox: 5,045%
- Massachussetts Financial Services Company: 2,016%

Il gruppo è oggi attivo in 5 continenti, in Europa, nelle Americhe (tra cui, oltre agli Stati Uniti, in Argentina, Brasile, Canada, Messico, Perù e Venezuela), nel CSI (Astrakhan, Azerbaijan, Georgia, Kazakhstan, Russia), in Africa, in Medio Oriente e in Estremo Oriente (Australia, Cina, India, Indonesia, Malesia, Singapore, Thailandia).

Per info: SAIPEM



Piazza Affari: segnali di ripresa?

In evidenza Telecom, Moncler e Banca Generali. Bene anche Unicredit ed Intesa oltre a tutto il comparto del risparmio gestito. A picco i petroliferi. 

Piazza Affari: segnali di ripresa?

Focus azioni Italia: le storie della settimana

Saipem è il titolo con le peggiori performance su base settimanale e mensile, con ribassi rispettivamente del 15,5% e del 26%.

Focus azioni Italia: le storie della settimana

Piazza Affari positiva: bene TIM, in rosso i petroliferi. FTSE MIB +0,60%

Piazza Affari positiva: bene TIM, in rosso i petroliferi.

Piazza Affari positiva: bene TIM, in rosso i petroliferi. FTSE MIB +0,60%

Saipem pesante con crollo greggio. Contratto con EDF in vista?

Il titolo è stato il peggiore del Ftse Mib e si è riportato sui livelli di fine maggio, per nulla aiutato dai rumors su un potenziale contratto in Scozia.

Saipem pesante con crollo greggio. Contratto con EDF in vista?

Petroliferi negativi in scia al ribasso del greggio, debole Eni

Petroliferi negativi in scia all'ennesima accelerazione ribassista del greggio.

Petroliferi negativi in scia al ribasso del greggio, debole Eni

Piazza Affari riduce i guadagni con spread e petroliferi. FTSE MIB +0,14%

Piazza Affari riduce i guadagni con spread e petroliferi.

Piazza Affari riduce i guadagni con spread e petroliferi. FTSE MIB +0,14%

Momento no per Saipem

Momento no per Saipem che venerdì ha violato a 3,60 circaanche l'ultimo dei ritracciamenti di Fibonacci (il 78,6%) calcolati per ilrialzo dai minimi di maggio (minimo odierno a 3,531).

Momento no per Saipem

Petroliferi negativi, greggio tocca minimi da ottobre 2017

Petroliferi negativi in scia all'ennesima accelerazione ribassista del greggio.

Petroliferi negativi, greggio tocca minimi da ottobre 2017

Borse in frenata dopo dati macro. Milano prima con le banche

Sul mercato domestico arretrano i titoli del settore oil che pagano pegno al ribasso del petrolio. Ben intonata Telecom Italia, cauta la galassia Agnelli.

Borse in frenata dopo dati macro. Milano prima con le banche

I 10 titoli più vicini ai massimi e ai minimi del mese

I 10 titoli più vicini ai massimi e ai minimi del mese.

I 10 titoli più vicini ai massimi e ai minimi del mese

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato.

Supporti e resistenze per i 10 titoli piu' scambiati ieri sul mercato

Possibile un'inversione, ma i rischi permangono: i titoli hot

Lo sguardo resta fisso sui minimi dell'anno, la cui tenuta potrà favorire una reazione del Ftse Mib. L'analisi e le strategie di Gianluigi Raimondi.

Possibile un'inversione, ma i rischi permangono: i titoli hot

Borse deboli, ma Piazza Affari è la migliore

Bancari: salgono le Popolari, scendono (ma di poco) le Big. Contrastato anche il risparmio gestito. A picco i petroliferi, giù Unipol, Buzzi e Telecom.

Borse deboli, ma Piazza Affari è la migliore

Piazza Affari negativa con petroliferi e TIM. FTSE MIB -0,69%

Piazza Affari negativa con petroliferi e TIM.

Piazza Affari negativa con petroliferi e TIM. FTSE MIB -0,69%

Piazza Affari in flessione con petroliferi e industriali. FTSE MIB -0,71%

Piazza Affari in flessione con petroliferi e industriali.

Piazza Affari in flessione con petroliferi e industriali. FTSE MIB -0,71%

Petroliferi in rosso, greggio scivola verso minimi da fine 2017

Petroliferi in rosso: il greggio perde terreno e si avvicina ai minimi da fine 2017 toccati due giorni fa.

Petroliferi in rosso, greggio scivola verso minimi da fine 2017
apk