Salvatore Ferragamo

RSS

Salvatore Ferragamo S.p.A., casa di alta moda italiana

Salvatore Ferragamo S.p.A. è una delle principali case di moda a livello mondiale. Il gruppo tessile si occupa dalla creazione, produzione e relativa distribuzione di prodotti di alta qualità per l'uomo e la donna. La vasta gamma di articoli spazia dall'abbigliamento, pelletteria, calzature ed accessori in materiali pregiati. I prodotti del brand Salvatore Ferragamo comprendono anche diversi articoli di profumeria, orologi ed occhiali, prodotti su licenza da terzi.

Gli articoli vengono commercializzati a livello internazionale attraverso la gestione diretta di circa 360 boutique monomarca site nelle principali città del mondo e tramite una vasta rete di spazi o punti vendita gestiti da terzi.

La composizione del gruppo tessile

Il gruppo è composto dalla società Salvatore Ferragamo S.p.A., la quale funge anche da capo gruppo e da diverse azienda controllate come Ferragamo Parfums S.p.A., Ferragamo France, Ferragamo UK, Ferragamo Austria, Ferragamo Monte Carlo, Ferragamo Argentina, Gruppo F. USA, Ferragamo Retail Macau e molte altre.

Le origini ed il suo pioniere

Le radici della società affondano nella Firenze del 1927, quando venne costituito il Calzaturificio Ferragamo e C., grazie al contributo del campano Salvatore Ferragamo. Salvatore Ferragamo (Avellino, 1898 - Firenze, 1960), si avvicina al mondo del lavoro in tenera età, difatti ad undici anni inizia a lavorare prezzo un calzolaio di Napoli, come apprendista. Appena quattordicenne Salvatore Ferragamo, si trasferisce dai fratelli migrati in America. Attorno al 1920 Salvatore Ferragamo apre una bottega di riparazioni a Santa Barbara (California) e ben presto inizia a produrre calzature, destinate all'industria cinematografica, riscuotendo grande successo.
Nel 1923 inaugura nella città di Hollywood il suo negozio Hollywood Boot Shop, che segnerà l'inizio della sua carriera nel mondo delle calzature.

Lo sviluppo della maison Salvatore Ferragamo

Nel 1927 Salvatore Ferragamo rientra in Italia, precisamente a Firenze, dove apre il suo laboratorio artigianale di calzature, destinato inizialmente alla clientela americana.
Attorno al 1950, l'azienda ormai radicata sul territorio nazionale con 700 dipendenti, vanta una produzione di circa 350 paia di scarpe al giorno, destinate all'alta borghesia.

In seguito alla scomparsa del mago delle calzature, avvenuta nel 1960, il timone passa alla moglie di Salvatore Ferragamo, Wanda Miletti. Sotto la sua guida e quella dei figli, la società ha continuato ad espandersi, ampliando il proprio core business nel settore delle pelletterie e del tessile, affermandosi nel settore del lusso.

L'approdo in Borsa

La casa d'alta moda con un giro d'affari di circa 1 miliardo di euro (2011), ha debuttato sul listino di Piazza Affari nel giugno 2011, quotandosi sul Mercato Telematico Azionario. Il prezzo di collocamento è stato fissato a 9,7 euro per azione. Le azioni vengono negoziate sul mercato MTA, con il simbolo SFER.

I principali dati economico finanziari della Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo S.p.A., ha la propria sede centrale a Firenze in Via Tornabuoni 2, nel Palazzo Spini Feroni, sede storica dell'azienda, acquisita nel lontano 1938. La maison del lusso è presente sul territorio nazionale e nel mondo, con filiali e negozi in diverse nazioni. la forza lavoro è composta da circa 3.000 dipendenti.

Il gruppo presieduto da Ferruccio Ferragamo, ha chiuso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2013, con un fatturato pari a 1.258 milioni di euro, registrando un aumento del 9% rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con ricavi per 1.153 milioni di euro.

L'azionista di riferimento del gruppo tessile, appartiene alla Ferragamo Finanziaria S.p.A., la quale possiede il 57,75% del capitale sociale.

Per maggiori informazioni: SALVATORE FERRAGAMO


Ferragamo: presidente, no cessione gruppo

Salvatore Ferragamo (-2,4%) in netta flessione dopo le dichiarazioni del presidente Ferruccio Ferragamo a Repubblica.

Ferragamo: presidente, no cessione gruppo

Borsa italiana in verde, brilla Telecom: Ftse Mib +0,37%

Borsa italiana in verde, brilla Telecom: Ftse Mib +0,37%.

Borsa italiana in verde, brilla Telecom: Ftse Mib +0,37%

Piazza Affari in verde, Telecom in evidenza: Ftse Mib +0,26%

Piazza Affari in verde, Telecom in evidenza: Ftse Mib +0,26%.

Piazza Affari in verde, Telecom in evidenza: Ftse Mib +0,26%

Segni positivi nel settore lusso

Segni positivi nel settore lusso con Luxottica (+1,2%), Moncler (+1,2%), Salvatore Ferragamo (+0,8%).

Segni positivi nel settore lusso

Borse incerte malgrado buoni dati macro. Telecom spicca il volo

A Piazza Affari spunti positivi sono offerti dai titoli del lusso tra i quali fa eccezione solo YNap. Deboli i bancari, bene STM.

Borse incerte malgrado buoni dati macro. Telecom spicca il volo

L'Europa estende il rialzo della vigilia. Enel in evidenza

A Piazza Affari provano a spingersi in avanti i bancari tranne Mediobanca, deboli i titoli del lusso ad eccezione di Ferragamo. Ben intonati i titoli oil.

L'Europa estende il rialzo della vigilia. Enel in evidenza

L'Angolo del Trader

Torna a salire l'attenzione su Atlantia in vista della possibile risposta del gruppo italiano ad ACS nella battaglia per la conquista di Abertis.

L'Angolo del Trader

Piazza Affari ha voglia di riprendersi? Spunti su vari titoli

Il Ftse Mib ha violato la trendline rialzista che parte da marzo scorso, ma sembra aver trovato un supporto in area 22.000/21.900. La view di Alessandro Cocco.

Piazza Affari ha voglia di riprendersi? Spunti su vari titoli

Lusso: per YNap e Ferragamo è l'ora di tornare ad acquistare?

I due titoli sono reduci da forti cali alimentati dai deludenti risultati del terzo trimestre. Quali strategie adottare ora?

Lusso: per YNap e Ferragamo è l'ora di tornare ad acquistare?

Borsa italiana sale nonostante i dividendi: Ftse Mib +0,44%

Borsa italiana sale nonostante i dividendi: Ftse Mib +0,44%.

Borsa italiana sale nonostante i dividendi: Ftse Mib +0,44%

Diversi fattori appesantiranno Piazza Affari: i titoli in e out

Continuiamo a credere che Piazza Affari nel medio termine possa portarsi su livelli ben più bassi di quelli correnti: l'analisi e le indicazioni operative di Fabrizio Brasili.

Diversi fattori appesantiranno Piazza Affari: i titoli in e out

Piazza Affari sottotono per i dividendi: Ftse Mib +0,05%

Piazza Affari sottotono per i dividendi: Ftse Mib +0,05%.

Piazza Affari sottotono per i dividendi: Ftse Mib +0,05%

Salvatore Ferragamo: Citigroup riduce target

Salvatore Ferragamo (-0,8% a 21,35 euro): Citigroup riduce target da 22 a 21 euro.

Salvatore Ferragamo: Citigroup riduce target
apk