Société Générale

RSS

Société Générale, istituto bancario francese

Société Générale ("Société Générale pour favoriser le développement du commerce et de l'industrie en France"), noto anche sotto l’abbreviazione di SocGen, è il colosso finanziario francese, conosciuto ed affermato a livello internazionale, nonché il 7° maggiore gruppo bancario della Classifica per capitalizzazione dei gruppi finanziari dell’Eurozona.

Le origini di SocGen

Le origini del gruppo risalgono al 4 maggio del 1864, quando un gruppo di industriali ed esperti in finanza francesi decidono di dar vita ad un istituto col fine di aiutare e sostenere lo sviluppo del settore del commercio e dell’industria in Francia.
Il primo Presidente della banca francese fu l’industriale Eugène Schneider (1805-1875).

Poco dopo aver avviato l’attività finanziaria (per lo più rivolta ad operazioni bancarie), la compagnia inizia una rapida opera di espansione sul territorio, arrivando, già nel 1871, ad aprire il primo ufficio a Londra. Nel medesimo anno Société Générale si presenta sul mercato con il primo prodotto di credito finalizzato a coprire le indennità di guerra stipulate nel Trattato di Francoforte.

Dal 1871 al 1893 la Francia va in contro ad un periodo di depressione finanziaria, caratterizzata dal fallimento di grossi gruppi bancari; ma il gruppo continua a crescere.

Dal 1894 la società diventa una vera e propria banca del credito, con operazioni di finanziamento a breve termine rivolte al settore industriale; si apre inoltre al pubblico attraverso prestiti obbligazionari in Francia e in Russia.

Gli anni della guerra

Gli anni della Prima Guerra mondiale mettono a dura prova la francese SocGen soprattutto per il business intrapreso sul fronte russo. Negli anni ’20, tuttavia, Société Générale diviene la prima banca sul territorio francese (l’eccellenza si affermerà negli anni futuri per le attività di copertura dei rischi e l’investimento strategico sull’equity).
Dopo un ulteriore periodo difficoltà per l’intero comparto bancario internazionale e francese, iniziato negli anni ’30, SocGen supera con dignità gli anni della Seconda Guerra mondiale, divenendo istituto nazionalizzato controllato dello Stato nel 1945.

Negli anni ’60, grazie alla presenza del gruppo sul territorio di New York, SocGen beneficia del business sorto in scia all’attuazione del Piano Marshall; tra gli anni 1966-1967 il gruppo diviene a tutti gli effetti realtà internazionale, attiva non solo nel campo dell’investimento e del prestito, ma anche nella concessione di mutui garantiti e nei servizi di leasing.

Nel 1970 il gruppo inizia a sviluppare un nuovo sistema di tecnologia, con l’introduzione delle carte di credito. Nel 1987 Société Générale torna ad essere realtà privatizzata. Il celebre finanziere George Soros diviene shareholder del gruppo nel 1988.

A partire dagli anni ’90 la banca si è concentrata sull’attività di ampliamento ed acquisizione, includendo al proprio interno nomi di spicco del settore quali Credit du Nord (1997), bank Paribas (sottrattale poco dopo da BNP) ed alcune realtà finanziarie nazionali (in Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca e Russia); estende inoltre il proprio giro d’affari in Africa, specie in Marocco, Tunisia e Ghana.

Lo sviluppo recente di Société Générale

Nel gennaio 2008 la banca annuncia che un suo trader (del quale manterrà l’anonimato, ma presumibilmente identificabile in Jérôme Kerviel) ha frodato il gruppo provocando una perdita da 4,9 miliardi di euro, la maggiore della storia, che genererà l’abbassamento del rating societario da parte delle agenzie Fitch e Moody’s (ad AA-).

Nell’estate del 2011, con la crisi dei mercati e il collasso dell’economia europea, la banca subisce un forte calo, tanto che il Britain’s Mail on Sunday afferma nell’uscita del 7 agosto l’imminente possibilità di bancarotta per il gruppo (ritirando poco dopo la provocazione e scusandosi); la pressione ribassista e bearish rimarrà comunque fino alla fine del 2011.

Principali dati finanziari

Societé Générale ha la propria sede in Boulevard Haussmann, a Parigi e conta circa 172 mila dipendenti. Il gruppo è quotato alla Borsa di new York con il simbolo GLE ed ha chiuso l’esercizio inerente all’anno 2013 con un utile netto pari a 2,175 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 790 milioni del 2012.

Per maggiori informazioni: SOCIETE GENERALE










Societe Generale acquista un business da Commerzbank

Societe Generale rileverà il business equity markets e commodities (Emc) dalla tedesca Commerzbank.

Societe Generale acquista un business da Commerzbank

SocGen fa shopping in Germania e si rafforza negli ETF

La banca francese ha annunciato di aver acquitato la divisione mercati azionari e materie prime di Commerzbank.

SocGen fa shopping in Germania e si rafforza negli ETF

Banche, moda, food: i titoli da comprare in Europa

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di mercoledì 13 giugno.

Banche, moda, food: i titoli da comprare in Europa

Ftse Mib: rally sulle banche. Si festeggia anche per lo spread

Apertura di settimana spumeggiante per la Borsa italiana. Alle 10 infatti il Ftse Mib vantava un rally pari a 2,5%.

Ftse Mib: rally sulle banche. Si festeggia anche per lo spread

Unicredit volatile su voci di merger. JPMorgan meno bullish

Il Financial Times riporta in primo piano l'ipotesi di una fusione di Unicredit con il gruppo transalpino Societe Generale.

Unicredit volatile su voci di merger. JPMorgan meno bullish

Le pagelle europee: i titoli da comprare e da vendere

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di martedì 8 maggio.

Le pagelle europee: i titoli da comprare e da vendere

I nuovi Buy: focus sempre più concentrato sulle trimestrali

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di venerdì 20 aprile.

I nuovi Buy: focus sempre più concentrato sulle trimestrali

Banche Italiane: per Société Générale si può essere ottimisti

Buone notizie per le banche italiane da tempo in lotta con i crediti deteriorati e le nuove norme europee: Société Générale vede di buon occhio l'intero settore.

Banche Italiane: per Société Générale si può essere ottimisti

I nuovi Buy. DB: Eni è un ottimo affare. Goldman: Enel verso M&A

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di mercoledì 11 aprile.

I nuovi Buy. DB: Eni è un ottimo affare. Goldman: Enel verso M&A

Societe Generale trattative in corso con Commerzbank

Societe Generale sarebbe in trattative esclusive con Commerzbank per l'acquisto della divisione Emc.

Societe Generale trattative in corso con Commerzbank

Azionario europeo: i nuovi buy e sell degli analisti

Azionario europeo: le raccomandazioni degli analisti e i nuovi target price di giovedì 8 marzo.

Azionario europeo: i nuovi buy e sell degli analisti
apk