Dash arriva da due sedute negative ma nello specifico nella giornata di ieri ha creato una classica pin bar. Una figura che è formata da un’ombra molto lunga e da un corpo molto più piccolo e solitamente sbilanciato da una parte della candela. 

Ieri 15 maggio, il prezzo ha aperto in area 432 dollari testando i massimi in area 454 per poi iniziare la sua corsa al ribasso e portare il prezzo a chiudere in area 426 dollari (sui minimi relativi di giornata). Le resistenze da tenere sotto osservazione sono: 554 dollari (livello 78.6% di Fibonacci) e successivamente a 783 dollari (livello 61.8% di Fibonacci), mentre per quanto riguarda i supporti: 400 e 300 dollari (supporti mensili). Le medie mobili a 100 e 200 periodi al momento sono piatte e si trovano rispettivamente in area 485 e 501 dollari.

Per chi volesse acquistare Dash

Entrare nel momento in cui il prezzo rompe il livello del 78.6% di Fibonacci e la resistenza dinamica in area 556 dollari, con stop loss a 400 e take profit in zona 782 dollari.

Per chi detiene attualmente Dash

Cominciare a liquidare la posizione rialzista nel momento in cui il prezzo conferma la rottura del supporto in area 400$.

Per chi volesse vendere Dash

Possibili ingressi ribassisti nel momento in cui il prezzo rompe la zona dei 400 dollari, con stop loss posizionato a 555 e primo target in area 262 dollari.

Target

Ribassista

  • 280: non raggiunto
  • 200: non raggiunto
  • 100: non raggiunto

Rialzista

  • 400: raggiunto il 18 aprile 2018