Il mercato azionario americano ha chiuso la prima settimana dell’anno facendo segnare nuovi record, con l’indice S&P500 che ha chiuso venerdì scorso a 2743,15 punti, in rialzo di +0,7% e chiudendo in salita in ciascuna delle prime quattro sessioni di trading del 2018, con un nuovo record ogni giorno. L’ultima volta che l’indice ha fatto segnare risultati simili nelle prime sedute dell’anno è stata nel lontano 1964, anno in cui si registrò un record in ciascuna delle prime sei sedute dell’anno, secondo i dati forniti dal Wall Street Journal. L’indice Nasdaq ha fatto segnare a sua volta un nuovo record in ciascuna delle prime quattro sedute del 2018. L’ultima volta che questo accadde fu nel 1999, con le prime sei giornate su nuovi record storici. In aggiunta a questo, la scorsa settimana l’indice Dow Jones ha superato per la prima volta nella sua storia quota 25.000 punti. Nell’ anno 2017, il Dow ha fatto segnare nuovi record in ben 71 sedute di borsa, mentre l’indice S&P500 proviene da 14 mesi consecutivi di chiusura positive. Dopo risultati così brillanti, una correzione o uno storno nei prossimi mesi potrebbero essere abbastanza probabili, considerato i multipli piuttosto elevati raggiunti dal mercato.

Nel 2018 risulterà quindi particolarmente importante focalizzarsi sui fondamentali delle aziende mediante un’attenta strategia di stock picking, puntando su singole società che presentano ancora interessanti potenziale di crescita e dividendi superiori alla media di mercato. I dividendi rappresentano infatti una fonte di reddito crescente negli anni, e sono tradizionalmente più stabili e indipendenti rispetto alle oscillazioni degli indici azionari. Anche se i mercati possono apparire sopravvalutati rispetto alle medie storiche, continuiamo ad identificare singole realtà ancora appetibili, in grado di generare redditi crescenti per i nostri modelli di portafoglio. In questo contesto, come già evidenziato la scorsa settimana, nel corso del 2017 il portafoglio Top Analisti ha generato un totale di 265 cedole, per un ammontare complessivo di 52.169 dollari in dividendi, il portafoglio ETF Italia ha generato un totale di 64 cedole, per un ammontare complessivo di 3.696 euro, e il portafoglio Top Dividend ha generato un totale di 48 cedole, per un ammontare complessivo di 3.538 euro.