Piazza Affari in buona forma grazie ai bancari: FTSE MIB +0,36%.

*Il FTSE MIB segna +0,36%, il FTSE Italia All-Share +0,21%, il FTSE Italia Mid Cap -0,82%, il FTSE Italia STAR -0,11%.

Mercati azionari europei in rosso:* DAX -0,9%, FTSE 100 +0,2%, CAC 40 -0,4%, IBEX 35 invariato.

Negativi i mercati USA: pochi minuti prima dell'apertura di Wall Street i future sugli indici azionari americani sono in ribasso dello 0,4% circa.

Bancari in deciso rialzo: l'indice FTSE Italia Banche segna +2,9%, l'EURO STOXX Banks +2,2%. Sui titoli italiani del comparto si segnala che l'agenzia di rating Dagong ha pubblicato un report in cui prevede forti vendite di crediti deteriorati nel 2018 con la possibilità che si raggiunga un livello del 15,5% degli npl sui prestiti totali e un coverage del 55% a fine anno. Il consolidamento dei bilanci degli istituti di credito dovrebbe insomma proseguire. In ascesa Banco BPM (+3,8%), Bper Banca (+3,2%) e UniCredit (+2,7%).

Sotto i riflettori Banca MPS (+4,3%) che accelera e tocca i massimi da inizio dicembre. Quaestio Capital SGR ha annunciato di aver chiuso, per conto dell'Italian Recovery Fund, l'operazione di investimento nella tranche mezzanine della cartolarizzazione di circa 25 miliardi di euro di crediti lordi in sofferenza dell'istituto senese. Italian Recovery Fund (l'ex Atlante II Ndr) acquisirà, con un investimento di 805 milioni di euro, il 95% della tranche mezzanine emessa da un veicolo di cartolarizzazione a cui è stato trasferito il portafoglio di crediti deteriorati di MPS. L'investimento nel 95% della tranche junior da parte di Italian Recovery Fund e l'ottenimento del rating e della GACS sulla tranche Senior (e la sua successiva cessione sul mercato) avverranno invece entro il primo semestre 2018.