Il recupero messo a segno nelle ultime giornate dall'euro-dollaro sembra aver incontrato già una battuta d'arresto, visto che per il momento il cross non è riuscito a spingersi oltre la soglia di 1,16, nonostante i ripetuti tentativi compiuti in tal senso nelle ultime sedute, compresa quella odierna.

Il sell-off a Wall Street ha indebolito il dollaro

A partire dalla metà della scorsa settimana la moneta unica ha risalito la china contro il biglietto verde, approfittando ance dell'improvviso sell-off che ha colpito Wall Street.

Come spiegato dagli analisti di Mitsubishi Financial Group, la correzione accusata dagli indici azionari Usa a partire da mercoledì scorso, potrebbe aver favorito un alleggerimento improvviso delle posizioni rialziste sul dollaro, a tutto vantaggio dell'euro.

Secondo gli esperti questo calo delle speculazioni al rialzo sul biglietto verde rende difficile un nuovo rafforzamento dello stesso a breve, visto che la divisa Usa parte già da una valutazione elevata.

La view di ING: dura barriera a 1,162 per l'Eur-Usd

C'è da dire però che il recente sell-off a Wall Street non è buona notizia neanche per un asset pro-ciclico come l'euro. Questo è quanto viene evidenziato dagli analisti di ING secondo cui per l'euro-dollaro l'area di 1,162 potrebbe essere un ostacolo molto difficile da superare.

Vorresti imparare a muoversi al meglio sul mercato delle valute?

Iscriviti da qui per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di Trend-Online.com