Ieri una giornata interessante per lo YEN, che ha guadagnato marcatamente dopo l’annuncio a sorpresa (anche se era già stato ventilato nei commenti di metà dicembre), di un rallentamento degli acquisti di bonds, del programma QE. Le voci anticipano una fine del QE, e non un evento singolo, e in sintonia alla POLITICA MONETARIA globale. Positivo pure l’approccio NORD-SUD della COREA, per il momento solo a livello di Olimpiadi. DATI economici positivi in EU, con GER in ripresa produzione industriale che va a cancellare i timori precedenti, EU della bilancia commerciale, disoccupazione, in UK delle vendite al dettaglio, anche se rallentate, in AUD del mercato costruzioni, al calo disoccupazione in ITL, ROM. Male l’aumento del deficit current account, e della bilancia commerciale in FF, il rialzo seppure modesto, della disoccupazione in CH, e il calo a sorpresa della fiducia consumatori in GIAPP, e il calo marcato della fiducia piccole imprese Usa. Con questo, i mercati mantengono il FOCUS su QE, inflazione, tassi, e formazione governo GER.

L’ottimismo resta quindi ai record massimi, incuranti dai livelli di vari e ampi eccessi. INDICI, ASIA indici record ulteriore, max dal 2006, NIKKEI max nov1991, USA nuovi record max, EU max2 anni. Movimenti sostenuti da finanziari, salute, energia, con rialzo rallentato nel finale, e focus sulla pubblicazione degli utili societari. PETROLIO max 2015. YIELDS praticamente invariati, come pure SPREAD periferici Eu, con volumi modesti. CREDITI CONSUMO in Usa nuovo record max, che salgono al doppio della crescita del paese. ORO in correttivo dai max3 mesi. Sempre ampia la volatilità su valute CRIPTO, con switch da bitcoin a favore di ethereum, in mercati in cerca di diversificazione. VALUTE, meglio AUD, NZD post dati, cede CHF/cross dopo il rialzo correttivo di inizio settimana, cede ORO, EURO nel previsto correttivo, e vendite di EURO/YEN, GBP/YEN nelle posizioni di mercato, da forza YEN/cross, e recupero DOLL. Queste direzionalità dovrebbero proseguire ancora per qualche tempo.