Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Gianvito D’Angelo, trader professionista che coniuga analisi intraday e multiday su futures, azioni e forex. Chi volesse contattare Gianvito D’Angelo può scrivere all’indirizzo email: supergianvi@gmail.com, oppure richiedere la sua amicizia sul profilo pubblico Facebook: @gianvitodangelo.

L'indice Ftse Mib ha avviato la settimana in buon progresso dopo aver avvicinato i minimi dell'anno prima del week-end. Cosa attendersi nelle prossime sedute?

L'indice Ftse Mib ha fatto il suo dovere nel tentativo di tenuta dei supporti e ora sta amplificando a livello economico e macroeconomico l'incertezza nel nostro Paese sulla scia del nuovo Governo.
Tutti i cambiamenti sono anche sostanzialmente dei movimenti di rottura e questi ultimi portano necessariamente all'incertezza, tanto odiata dai mercati.

Fortunatamente le Borse americane stanno provando a fare nuovi massimi storici, come accaduto nei giorni scorsi per il Nasdaq, per cui tutto sommato Piazza Affari è fortunata nel vivere questo momento di incertezza in una fase in cui Wall Street non sta flettendo, ma sta provando piuttosto a spingersi in avanti.
Per il Ftse Mib quella dei 21.500 punti è un'area importante, di tenuta, visto che in varie occasioni questo livello è stato sporcato ma tenuto.

La dinamica in atto da inizio anno è simile a quella vista tra maggio 2015 e la fine dello stesso anno, e non è proprio propedeutica ad un rialzo e ancor meno ad un attacco della soglia dei 24.000 punti di Ftse Mib.
A partire da venerdì prossimo avrà inizio il periodo meno favorevole in Borsa, visto che di solito in estate non si capitalizzano guadagni, quanto piuttosto perdite.