Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Gianvito D’Angelo, trader professionista che coniuga analisi intraday e multiday su futures, azioni e forex. Chi volesse contattare Gianvito D’Angelo può scrivere all’indirizzo email: supergianvi@gmail.com, oppure richiedere la sua amicizia sul profilo pubblico Facebook: @gianvitodangelo.

Il Ftse Mib ha ritracciato dai nuovi massimi dell'anno segnati la scorsa settimana, mantenendosi al momento a poca distanza dai 24.000 punti. Cosa si aspetta nel breve?

Dai nuovi top dell'anno sono passate ben 5 sedute che non sono poche in termini temporali e nell'arco di queste il future sul Ftse Mib si è mosso in un range di 500 punti dai 24.000 ai 23.500 punti. I livelli sotto i 24.000 punti non sono stati mai venduti e questo vuol dire che al di sotto di tale soglia non c'è stata un'accelerazione al ribasso.

Questo è un buon segno, malgrado la discesa dei corsi, e mi fa pensare che l'area dei 23.500 sia quella da analizzare attentamente, perchè è la soglia che il future dovrà difendere in ottica rialzista.
Se il mercato dovesse andare a testare nuovamente i 24.000 punti e ancora meglio i 24.150/24.200, ossia i massimi dell'anno e del mese in corso fino ad ora, è chiaro che il piccolo ritracciamento rispetto al test dei 24.200, probabilmente farebbe funzionare il breakout dei massimi.

In caso di accelerazioni al di sotto dei 23.500 punti, difficilmente nel mese in corso riusciremo a rivedere i massimi in area 24.150/24.200. Sul grafico si nota un setup short, ma di breve, fermo restando che le nostre strategie sono long perchè l'idea è che il futures sul Ftse Mib possa andare a testare nuovamente i 24.030 punti, ossia i precedenti massimi dell'anno.