Di seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Antonello Marceddu, trader di Protrader, al quale abbiamo rivolto alcune domande sui principali indici azionari, con una particolare attenzione rivolta a Piazza Affari.

Il Ftse Mib frenato un po' il passo dopo area raggiunto l'area dei 23.800 da lei indicata come primo target la scorsa settimana. Quali scenari prevede per le prossime sedute?

La view su Piazza Affari resta positiva, anche perchè al momento non ci sono in alcun modo evidenze che possano far pensare ad un'inversione del trend in atto.
Delle prese di beneficio come quelle viste ieri sul Ftse Mib fanno bene al movimento che si conferma rialzista.

Ricordo che ci sono dei gap-up che possono essere chiusi e mi riferisco ad esempio a quello lasciato aperto tra il 6 e il 7 novembre nell'area compresa tra i 23.400 e i 23.450 punti.

Anche nel caso in cui l'indice dovesse andare a colmare questo gap, il quadro di fondo non cambierebbe e anche un ritorno sui valori indicati prima non indicherebbe l'avvio di una fase correttiva più ampia.

Un movimento più pesante che potrebbe invece preludere ad un ribasso più pesante si avrebbe nel caso in cui il Ftse Mib andasse a colmare il gap in area 22.950, aperto nella sessione del 4 novembre, quando l'indice ha avviato le contrattazioni al di sopra di area 23.000.

Un ritorno delle quotazioni su questi livelli mi indurrebbe a pormi qualche dubbio sulla prosecuzione del rialzo.
Per il momento però siamo ancora ad una certa distanza dall'area dei 23.000/22.950, per cui sono più orientato ad attendersi un approdo del Ftse Mib in area 24.000.

E' stata a mio avviso interessante la seduta di martedì, quando c'è stata una certa espansione della volatilità, pur in presenza di volumi sostanzialmente in linea con la media degli ultimi giorni.