Di seguito riportiamo l'intervista a Pietro Paciello, CEO e Chief Analyst della Pro Markets Sagl, Asset Management Company, al quale abbiamo rivolto alcune domande sulla situazione di Piazza Affari e sulle strategie da seguire per diversi titoli. Pietro Paciello è autore del libro appena pubblicato TRADING PLAN. Per info clicca qui.

L'indice Ftse Mib ha violato la soglia dei 21.900 punti da lei segnalata la scorsa settimana, scendendo su nuovi minimi dell'anno per poi avviare un recupero. Cosa si aspetta nel breve alla luce di questi movimenti?

Credo che quello cui stiamo assistendo in queste ore a Piazza Affari sia un rimbalzo da eccesso di venduto e non vedo a livello intermarket variabili favorevoli ad una prosecuzione del rialzo dei listini azionari.
Ieri ad esempio il Dax dopo l'impennata delle prime ore è tornato indietro e non mi sembra che il dollaro si stia rafforzando.

Sono sempre dell'avviso che il Ftse Mib si muova in una macro area che in questo momento va rettificata tra la resistenza a 24.000 punti e il livello rappresentato dal supporto post-elettorale segnato ieri in area 21.500/21.450.
Indicazioni operative di lungo termine possono venire solo dalla violazione di uno di questi due livelli. Inutile dire che sopra i 24.000 punti di Ftse Mib Piazza Affari diventerà un mercato interessantissimo, ma onestamente penso sia difficile che ciò possa accadere nel breve.

Sotto i minimi di lunedì mi aspetto invece un arretramento dei corsi almeno fino ai 20.000/19.500 punti. Operativamente sto seguendo il grafico di lungo sul Ftse Mib che negli ultimi anni ha sempre rispettato alla grande le mie adorate divergenze rialziste e ribassiste.