Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it.

Le prime sedute del nuovo anno sono state vissute in deciso rialzo dal Ftse Mib che si è spinto oltre la soglia dei 22.700 punti. Come valuta questo recupero e quali le sue previsioni per le prossime sedute?

Piazza Affari risente positivamente del rimbalzo sull’importantissimo supporto giornaliero e con la Befana il Ftse Mib vola sopra la resistenza dinamica che univa i massimi decrescenti, dando graficamente e teoricamente – perché la borsa è fatta per stupire e tutto può succedere – un chiaro segnale rialzista.

Il tutto in concomitanza con sorprendenti nuovi massimi delle Borse “born in the Usa” (a inizio anno una citazione musicale sul boss Bruce Springsteen ci sta!).

Per le prossime sedute quindi sopra i massimi dello scorso venerdì a 22.762 punti avremo una resistenza statica (orizzontale) in area 22.860/22.960 sopra la quale spazio per un nuovo attacco ai massimi del 2017 a 23mila/23133 punti.
Al superamento di questo ostacolo assisteremo ad un nuovo impulso rialzista verso 23.500 e 24mila circa, con obiettivo nel mirino la media a 200 periodi mensile attualmente a 24.930 punti.

Viceversa la ex dinamica ribassista intorno ai 22.600 punti, da resistenza diventa supporto, sotto cui spazio per la fascia che va da 22.400 a 22.200 che dovrebbe reggere e favorire un rimbalzo, pena una chiusura del gap up a 21.940 circa, con ritorno sulla media a 200 giornaliera a 21.650 circa ed eventuali approfondimenti sui supporti mensile e settimanale, rispettivamente a 21.415 e 21.250 circa.