Di seguito riportiamo l’intervista sull’indice Ftse Mib e su alcune delle blue chips quotate a Piazza Affari, con domande rivolte a Roberto Scudeletti, trader indipendente e titolare del sito www.prtrading.it.

Il Ftse Mib dopo un incerto avvio di settimana ha avviato un bel recupero in direzione dei 22.800 punti. La reazione delle scorse giornate troverà un seguito nel breve?

Dopo un’apertura in forte gap down nel lunedì post elezioni – potenzialmente senza un governo naturale – Piazza Affari ci regala una settimana di super rimbalzo di oltre mille punti, da confermare, visto che il Ftse Mib è alla prese con una resistenza settimanale.

Nel dettaglio la media a 12 periodi settimanale si trova attualmente a 22.780 punti, più o meno attorno ai massimi della scorsa ottava. Con la tenuta di questo ostacolo nel breve potremmo assistere ad un ritorno dei venditori, con supporti giornalieri tra 22.460-22.130 e mensile e settimanale rispettivamente a 21.970 e 21.890, la cui tenuta è importante, onde evitare un ritorno a 21.460 punti, con pericolo di approfondimenti a 21mila e 20.560-20.425 circa.

Viceversa, sopra 22.792 punti, massimo della scorsa ottava, ci troveremo subito vicine le resistenze tra 22.870 (media giornaliera a 50 periodi) e la zona 23.104-23.184 (chiusura del gap down precedente), sopra cui spazio per 23.350-23.550 circa, prima di un nuovo assalto ai massimi dell’anno in zona 23960-24050 punti.

Venerdì scorso UBI Banca e Banco BPM sono stati i due bancari più penalizzati dalle vendite. Cosa prevede nel breve per questi due titoli?