A2A arretra anche a causa dello stacco del dividendo da 0,0578 euro per azione. Il titolo deve ora guardarsi dal rischio di rottura del supporto a 1,46 circa, l'ultimo in grado di scongiurare l'ipotesi di ritorno sui minimi allineati di febbraio/marzo in area 1,40. Concreti segnali di forza al superamento di 1,57/1,58, con possibilità di estensione verso il massimo pluriennale a 1,6955 toccato a fine aprile.

(SF - www.ftaonline.com)