Non starò qui a riproporvi quante volte questi due signori, specialmente Gross, hanno chiamato la fine del mercato obbligazionario, la fine del mercato orso secolare.

I gufi allocchi , la loro voce in natura comprende sibili, soffi, risate stridule e metalliche, e altri rumori sinistri che hanno per secoli alimentato le credenze sull’esistenza dei fantasmi nelle case di campagna abbandonate, nelle soffitte e nei castelli, compagni di maghi, streghe e fantasmi vari.

Noi come ben sapete e come vedremo a breve insieme a Machiavelli abbiamo dei punti di riferimento ben più interessanti e qualificati per osservare cosa farà nei prossimi anni il mercato obbligazionario soprattutto sovrano, ma in questo momento il gregge guarda solo alle notizie, non ha tempo o voglia per rileggersi i recenti fallimenti di questi due signori.

Noi lo scorso anno, sempre controcorrente abbiamo suggerito che le previsioni di Gross e Gundlach erano sbagliate e abbiamo avuto ragione, i rendimenti dei titoli a lungo termine non sono saliti, dove loro si aspettavano, anzi la curva dei rendimenti si sta appiattendo.

Difficile spiegare a chi non conosce il mercato obbligazionario cosa significa questo, ma ve lo racconteremo in maniera dettagliata nel prossimo OUTLOOK, oltre 100 pagine di analisi storiche, empiriche, tecniche con una sorpresa.

Ovviamente dopo ben quattro fallimenti negli ultimi quattro anni, il nostro ci riprova…

Il guru del mercato Bill Gross ha detto che i Treasury stanno entrando in un mercato ribassista dopo che una svendita di titoli governativi ha portato i rendimenti oltre i livelli tecnici chiave  martedì.(…) ha dichiarato in un tweet che sia i titoli a 5 anni che   il rendimento a 10 anni si sino spinti al di sopra della linea di tendenza a lungo termine a 25 anni, che ha tenuto a freno i rendimenti. Tornato in ottobre, ha dichiarato una salita sostenuta superiore al livello del 2,40% e un break-out al di sopra di questi livelli chiave del grafico potrebbe segnare una ripresa tanto attesa dei rendimenti del Tesoro.