Un bel risveglio quest'oggi per Salvatore Ferragamo che, dopo essere sceso in controtendenza rispetto al mercato ieri, archiviando la sessione con un calo di un punto e mezzo percentuale, ritrova la via dei guadagni oggi. Il titolo da subito si è posizionato al di sopra della parità e ha allungato ulteriormente il passo, mostrando una maggiore forza relativa rispetto all'indice di riferimento.

Il titolo, che occupa la quarta posizione nel paniere delle blue chips, viene scambiato negli ultimi minuti a 22,36 euro, con un rialzo del 2,1% e circa 500mila azioni trattate, contro la media giornaliera degli ultimi tre mesi pari a circa 600mila pezzi.

Kering annuncia lo spin-off di Puma

Salvatore Ferragamo oggi catalizza gli acquisti spinto in avanti da un rinnovato appeal speculativo dopo che ieri il gruppo francese Kering ha annunciato lo spin-off di Puma, tramite la distribuzione del 70% del capitale della controllata ai propri azionisti.
In questo modo la quota di Kering in Puma scenderà al 16% rispetto all'attuale 86,3% e l’operazione è motivata dall’obiettivo di concentrare sempre più il gruppo sulle attività lusso.

Interesse di Kering per Ferragamo? La view di Equita

Più volte in passato, a proposito della possibile uscita di Kering da Puma, si è ipotizzato un interesse del gruppo francese per Salvatore Ferragamo.
Gli analisti di Equita SIM tuttavia ricordano che la famiglia Ferragamo, che controlla l’azienda, in più occasioni ha ribadito il proprio impegno di lungo periodo sul gruppo.

Secondo gli esperti anche il recente peggioramento delle indicazioni per il 2018 esprime la volontà di perseguire il rilancio di lungo termine di Salvatore Ferragamo e non di massimizzare un eventuale valore di cessione.
Equita SIM in ogni caso non cambia idea sul titolo, mantenendo invariato il rating "reduce", abbassato di recente dal precedente "hold", con un prezzo obiettivo a 18,7 euro, valore che si pone al di sotto dei livelli correnti di Borsa. La view negativa è giustificata dal fatto che Salvatore Ferragamo, come evidenziato dalla SIM milanese, tratta a 30 volte il multiplio prezzo-/utile, contro le 24 volte dei competitors.