L'analisi del Ftse Mib

Interessante chiusura di settimana per il Ftse Mib che venerdì scorso ha messo a segno la migliore performance in Europa, con un progresso dello 0,8% a 21.858 punti, il close più alto da inizio anno.

L'intera ottava è stata archiviata con un bilancio positivo di circa mezzo punto percentuale, con l'indice riportandosi nei pressi di area 21.900, da cui era stato respinto nelle sessioni precedente.

La discesa accusata dal Ftse Mib ha trovato un valido sostegno in area 21.500, da cui sono ripartiti gli acquisti che hanno permesso un rilancio dei corsi verso i massimi dell'anno.

Una reazione che lascia ben sperare in ulteriori evoluzioni positive nel breve, con il Ftse Mib che sembra pronto ad aggiornare i massimi dell'anno.

Nuovi segnali positivi arriveranno dalla violazione di area 21.900/22.000, preludio ad un test dei 22.200 punti prima e in seguito della soglia dei 22.500 punti.

Il raggiungimento di questo livello dovrebbe favorire alcune prese di profitto o quantomeno una fase di consolidamento nel breve, ma se il mercato mostrerà ancora forza allora l'indice potrebbe mettere nel mirino i 22.800 punti prima e in seguito la soglia psicologica dei 23.000 punti.

La mancata rottura di area 21.900/22.000 potrebbe contenere ancora una volta la spinta rialzista e favorire nuovi ripiegamenti con un primo supporto di rilievo in area 21.500/21.450.