L'incertezza delle ultime sedute ha lasciato il posto quest'oggi ad una seduta a due facce, visto che le Borse europee hanno vissuto una mattinata in calo, per poi cambiare rotta e chiudere gli scambi in buon rialzo. Il Ftse100 è salito dello 0,81%, preceduto dal Cac40 e dal Dax30 che si sono apprezzati rispettivamente dell'1,39% e dell'1,68%.

Ftse Mib su nuovi top da inizio mese: cosa aspettarsi ora?

In positivo anche Piazza Affari dove il Ftse Mib ha terminato gli scambi a 22.486 punti, la chiusura più alta di questo mese, con un progresso dell'1,22%, dopo aver segnato nell'intraday un massimo a 22.516 e un minimo a 21.978 punti.

Dopo aver testato con successo l'area dei 22.000 punti, come già avvenuto nella sessione di martedì scorso, l'indice delle blue chips ha imboccato con decisione la via dei guadagni, spingendosi oltre i massimi intraday delle ultime giornate e superando quelli messi a segno nelle prime due sedute del mese.

Con conferme al di sopra di area 22.500, il Ftse Mib potrà allungare il passo verso i 22.700/22.800 punti, prima di dare vita ad un test di area 23.000, in corrispondenza della quale potrebbero scattare delle prese di beneficio almeno in prima battuta.

La mancata riconquista di area 22.500 potrebbe favorire ancora incertezza nel breve, con possibili ripiegamenti verso i 22.300/22.200 punti in primis e in seguito in direzione di area 22.000.
Molto importante sarà la tenuta di questo livello, la rottura del quale potrebbe portare il Ftse Mib a chiudere il gap-up lasciato aperto in avvio di settimana in area 21.700/21.650.

Negativo sarà l'eventuale abbandono di quest'ultimo sostegno, evento che aprirà le porte a ripiegamenti verso i 21.350 prima e i 21.100 punti successivamente, con possibili estensioni fino ad area 21.000 nella peggiore delle ipotesi.