Titoli bancari made in Usa: i buy di gennaio

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

JP MorganGoldman Sachs


Tutto gira a favore delle banche: i tassi di interesse sono in fase di aumento, l'efficienza è potenziata, una possibile deregulation all'orizzonte. Insomma ce n'è abbastanza per portare gli analisti ad essere ottimisti.

Per investitori che vogliono essere sereni in pensione. Uno dei rischi più grandi che corre un risparmiatore è restare a corto di denaro quando va in pensione. Fisher Investments Italia offre una soluzione per minimizzare questo rischio. Scopri di più

Tutto gira a favore delle banche: i tassi di interesse sono in fase di aumento, l'efficienza è potenziata, una possibile deregulation all'orizzonte. Insomma ce n'è abbastanza per portare gli analisti di The Motley Fool a puntare sul settore. E in particolare su 3 nomi. 

Goldman Sachs (NYSE: GS)

Matt Frankel guarda con ottimismo a Goldman Sachs per il mese di gennaio. Il motivo è semplice: mentre per tutto il 2017 il settore bancario statunitense è cresciuto di oltre il 19% rispetto allo scorso anno, Goldman non è arrivata che al 5%. iN altre parole è in una fase di ritardo. Da un lato i suoi affari, in generale, stando all'analisi di Frankel, sono stati molto buoni, dall'altro lato, invece, a far crescere qualche preoccupazione sono le entrate da trading, in calo del 26% a causa della bassa volatilità, un risultato peggiore anche rispetto alle previsioni più pessimiste. Nonostante ciò le entrate di Goldman nel settore dell'investment banking sono cresciute enormemente. A questo si aggiunga anche il fatto che la gestione patrimoniale della banca è fiorente come anche la divisione di credito al consumo e bancario. Ultima nota: il titolo di Goldman Sachs è anche a buon mercato, o per lo meno tra i meno costosi della categoria.

apk