Avvio di contrattazioni prevalentemente positivo per le Borse europee, che beneficiano oggi dei segnali di riavvicinamento tra Stati Uniti e Cina sul tema dei dazi, con Pechino che ha annunciato che invierà entro fine mese un alto funzionario negli Usa per riprendere i negoziati commerciali.

La giornata delle Borse europee

Maglia rosa delle seduta tra i benchmark azionari del Vecchio Continente spetta all'Ibex spagnolo (+0,59%), seguito dal Ftse 100 londinese (+0,49%), dal CAC 40 (+0,41%) e dal Dax di Francoforte (+0,31%), mentre in controtendenza registra un pesante -1,65% il Ftse Mib: sulla performance dell'indice milanese pesa oggi il crollo di Atlantia (-26,38% alle 11.30), nell'occhio del ciclone per le conseguenze del disastro di Genova e la minaccia del Governo di revocare la concessione alla filiale Autostrade per l'Italia.



Ftse Mib debole, crolla Atlantia 

Gli analisti di Equita Sim hanno tagliato questa mattina la raccomandazione sul titolo della holding controllata dalla famiglia Benetton da Buy a Hold con target price ridotto a 24,72 euro, giudicando poco probabile "che si arrivi alla revoca della concessione" ma prospettando allo stesso tempo "una fase di negoziazione che porti a maggiori investimenti per Aspi" ed evocando per la società il rischio di un "lungo scontro legale".