Fidentiis giudica buy: Fca con prezzo obiettivo di 20/22 euro sebbene il fisco italiano abbia contestato al gruppo di aver sottostimato di 5,1 miliardi di euro il valore dell’acquisizione di Chrysler avvenuta nel 2014 e Moncler con target price di 40/41 euro in vista dei rumors su un possibile takeover da parte di Kering.

Banca Imi valuta buy: Fca con target price di 16 euro e SeSa con prezzo obiettivo di 48,30 euro in scia all’accordo per acquistare la rimanebte quota del 49% di Yarix.

Giudizio add inoltre per Enel con fair value di 7,60 euro (il gruppo si prepara ad aumentare la partecipazione in Enel Chile per un massimo del 3%).

Mediobanca assegna un outperform a: Atlantia con target di 25,40 euro (gli omessi controlli e i falsi report sui viadotti autostradali attribuiti alla responsabilità di tecnici e dirigenti Spea sono stati commessi a partire dal 2013 su pressione di Aspi hanno scritto i tre giudici del Tribunale del Riesame di Genova nell’ordinanza depositata ieri), Autogrill con obiettivo di 11,90 euro in scia all’incremento del traffico aeroportuale a ottobre negli Usa del +4,9%, Danieli con fair value di 21,30 euro in scia a un nuovo ordinativo in Cina, Enel con target di 7,50 euro, Eni con obiettivo di 19 euro (attraverso la controllata Eni East Sepinggan ha completato la cessione di una quota di partecipazione del 20% in Neptune Energy Group nell’area di East Spinnegan), Leonardo con fair value di 14 euro (S&P valuta positive il credit outlook del gruppo e ha ribadito il rating BB+), SeSa con target di 44,50 euro e Telecom Italia con obiettivo di 0,76 euro (il gruppo australiano Macquarie sta valutando un’alleanza con un fondo pensione Usa per unirsi a Telecom e Cdp nel capitale della società unica della fibra che i due gruppi stanno cercando di creare attraverso l’integrazione tra la rete Telecom e Open Fiber).