Intesa Sanpaolo (ISP:IM)

Il titolo bancario tricolore deve affrontare una giornata difficile in borsa. A dare qualche preoccupazione di troppo sono ancora le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina che, in realtà, provocano problemi a tutti i listini europei. Ad ogni modo Intesa Sanpaolo poco prima delle 15 deve registrare un passivo di 1,45%. Nello specifico il titolo ha aperto a € 2,51 per toccare un minimo di € 2,467 e un massimo di € 2,518 su un periodo di 52 settimane che vede una minimo il 29 maggio 2018 a € 2,381 e un massimo il 7 febbraio 2018 a € 3,230. Nonostante le difficoltà odierne però gli esperti sono ottimisti, in particolare quelli di Banca Akros (rating accumulate e t.p 3 euro) che giudicano l'istituto di credito ancora interessante soprattutto in vista del rafforzamento di Eurizon ma anche della possibilità sempre più concreta che diventi un leader europeo.

 

Juventus FC (JUVE:IM)

Dopo diverse sedute in positivo, sedute che hanno permesso al titolo di guadagnare più del 30% sulle voci di un passaggio di Cristiano Ronaldo in maglia bianconera, passaggio che si è concretizzato ieri con la firma del giocatore, oggi il titolo della squadra di calcio paga il dazio previsto. Alle 14.55 infatti le azioni della squadra crollavano a -5,51% con una quotazione che non andava oltre € 0,84. L’apertura è stata in negativo da subito con una quotazione a € 0,9 che è scesa a un minimo in mattinata di € 0,837 cui si è contrapposto un massimo di € 0,909.Il trading range sulle 52 settimane oscilla da un minimo di € 0,530 visto il 12 luglio 2017, quindi esattamente un anno fa, ad un massimo di € 0,924 registrato un paio di sedute fa ovvero il 9 luglio di quest’anno.