Società con un forte vantaggio competitivo, elevati flussi di cassa e rendimenti del capitale, e una capitalizzazione di mercato inferiore ai 15 miliardi di dollari: applicando i criteri di scelta del guro americano della finanza Warren Buffet gli analisti hanno individuato tre titoli di qualità in grado di creare valore in portafoglio.

Campbell Soup, track-record convincente

Il Moat di Campbell Soup è da ricercare nella sua leadership nel segmento delle zuppe, nel valore del suo marchio, in una struttura dei costi altamente concorrenziale e in un’efficiente rete di distribuzione globale. “Negli ultimi 10 anni questo si è tradotto in rendimenti medi del capitale investito del 18%, di gran lunga superiori ai costi di finanziamento (7%) e siamo convinti che l’azienda possa mantenere questo track-record anche nei prossimi anni”, dice Erin Lash analista azionaria di Morningstar.

“I dati deludenti dell’ultima trimestrale sono passati in secondo piano rispetto all’annuncio delle dimissioni dell’Ad Denise Morrison. Sotto la sua guida l’azienda non è riuscita a migliorare l’efficienza della sua gestione operativa, ma va riconosciuto al manager il merito di aver spostato il portafoglio marchi verso prodotti a maggior valore aggiunto. Nonostante il cambio alla guida della società lasciamo invariate le nostre previsioni di lungo periodo, che indicano una crescita media del fatturato del 7% nei prossimi cinque anni, e la stima del fair value a quota 52 dollari” (report aggiornato al 18 maggio 2018).

Blackbaud fa valere il potere contrattuale